Covid-19, monitoraggio Iss: «In Italia ancora focolai, epidemia non conclusa»

Covid-19, monitoraggio Iss: «In Italia ancora focolai, epidemia non conclusa»

«In quasi tutta la Penisola sono documentati focolai di trasmissione attivi. Tale riscontro, che in gran parte è dovuto alla intensa attività di screening e indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti, evidenzia tuttavia come l'epidemia in Italia di COVID-19 non sia conclusa». Lo evidenzia il monitoraggio del ministero della Salute-Iss sugli indicatori per la cosiddetta Fase 2 relativi alla settimana tra il 25 e il 31 maggio.

Leggi anche > Coronavirus, a Roma focolaio alla Pisana: il San Raffaele diventa zona rossa

Le misure di lockdown in Italia «hanno effettivamente permesso un controllo dell'infezione da SARSCoV-2» ma «persiste, in alcune realtà regionali, un numero di nuovi casi segnalati ogni settimana elevato seppur in diminuzione» e «questo deve invitare alla cautela in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di SARS-CoV-2 è ancora rilevante». Il ministero Salute-Iss, nel monitoraggio, richiede inoltre «rispetto rigoroso delle misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali l'igiene individuale e il distanziamento fisico. 

Sempre secondo l'Istituto superiore di sanità la stima dell'indice di trasmissibilità (Rt) per data inizio sintomi nel periodo dal 12/5 al 25/5, calcolato al 3/6/2020, mostra valori medi al di sotto di 1 in tutte le Regioni.
Ultimo aggiornamento: Sabato 6 Giugno 2020, 12:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA