Covid, le nuove misure: arriva il super Green pass, ecco tutte le novità

Covid, le nuove misure: arriva il super Green pass, ecco tutte le novità

La cabina di regia del governo: super Green pass per le attività ricreative, col tampone si potrà andare a lavoro

Il Cdm ha dato il via libera all'unanimità al decreto sul Super Green pass, valido solo per chi sia vaccinato o guarito dal Covid. Il certificato verde rafforzato entrerà in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio, ma le misure potranno essere poi prorogate. Ai posti di lavoro si potrà accedere con il tampone. Non scatteranno più le chiusure delle attività nelle Regioni in zona gialla o arancione, ma gli accessi saranno limitati ai vaccinati.

 

Il provvedimento è stato varato all'unanimità nonostante la Lega avesse inizialmente avanzato qualche dubbio. E' quanto viene riferito da fonti governative al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato il decreto.

 

Leggi anche > Mascherine all'aperto, torna l'obbligo: «In tutta Italia, anche in zona bianca»

 

Il green pass sarà richiesto anche sui treni regionali e interregionali. Lo apprende l'Adnkronos al termine del Consiglio dei ministri che ha varato le nuove misure anti-Covid per contrastare la quarta ondata.

 

Covid, le nuove misure del Governo

 

Leggi anche > Vaccino ai bambini tra 5 e 11 anni, Palù (Aifa): «Da lunedì il via in Italia»

 

Zone gialle, arancioni e rosse

 

Non scatteranno più le chiusure delle attività nelle regioni in zona gialla o arancione, ma gli accessi saranno limitati ai soli possessori del Super Green pass, quindi i non vaccinati o guariti dal Covid saranno limitati nell'accesso al bar, ristorante o in palestra e avranno limitazioni anche negli spostamenti. L'obiettivo - spiegano fonti governative - è tenere aperte il più possibile le attività. Non cambieranno invece le regole in zona rossa, quindi le limitazioni agli spostamenti e le chiusure scatteranno per tutti, anche se vaccinati

 

Via le Regioni a colori, anzi no

 

Resterà dunque il sistema a colori varato dal secondo governo Conte e confermato poi dal governo Draghi: inizialmente sembrava che il sistema di chiusure in base all'incidenza del virus e le situazioni negli ospedali potesse essere accantonato, sostituito da una semplice stretta sui non vaccinati senza distinzioni per aree di colore. Lockdown circoscritti - in situazioni particolarmente critiche - potranno inoltre essere decisi localmente dai singoli amministratori, riferiscono fonti presenti all'incontro.

 

Stretta contro i no-vax

 

Il governo sceglie dunque la linea dura per arginare la quarta ondata, scrive l'agenzia Adnkronos. Nel corso della riunione sarebbe prevalsa la decisione di una stretta sui no vax già in zona bianca, aprendo le attività ricreative solo a coloro in possesso del cosiddetto super green pass, ovvero per chi è vaccinato o guarito. La stretta dunque non dovrebbe arrivare solo dove salgono i contagi e le situazioni negli ospedali sono più critiche -ovvero dall'area gialla a salire- ma dappertutto e senza distinzioni di sorta.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Novembre 2021, 18:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA