Covid, tutto l'Alto Adige diventa zona rossa: a ore l'ordinanza

Video
di Redazione online

Tutto l'Alto Adige diventa zona rossa. «L'andamento epidemiologico con i numeri in costante crescita e il sempre maggior numero di comuni dichiarati zona rossa lo impongono. È inutile ormai applicare due provvedimenti diversi», dice il governatore Arno Kompatscher, che nelle prossime ore firmerà l'ordinanza. Spostamenti tra i comuni saranno concessi solo per motivi di lavoro, salute, studio e urgenze inderogabili.

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 781 nuovi casi su 2998 tamponi e 4 decessi.  

IL BOLLETTINO DI OGGI IN ITALIA

 

Giovedì scorso Kompatscher si era lamentato per l'ultimo Dpcm che assegna alla provincia autonoma di Bolzano il colore giallo, senza particolari misure restrittive. Una decisione «non supportata dai dati scientifici: la situazione epidemiologica del 25 ottobre, presa come punto di riferimento per la decisione del Ministero della salute, infatti, risulta essere superata dai fatti», aveva detto. Il 3 novembre undici comuni, compreso Bolzano, sono stati dichiarati «zona rossa» dalla giunta provinciale altoatesina che ha adottato per essi misure più restrittive rispetto al resto del territorio provinciale. I comuni interessati, oltre al capoluogo, sono Vadena, Braies, Velturno, Villabassa, Meltina, Vipiteno, Egna, Nova Levante, Ponte Gardena e Nalles. Per due settimane didattica a distanza nelle scuole di ogni ordine e grado, chiuse le scuole d'infanzia e gli asili, chiusi i serivizi alla persona, come parrucchieri ed estetisti, ingresso e uscita da questi comuni solo per comprovati motivi di lavoro o di salute.


Ultimo aggiornamento: Domenica 8 Novembre 2020, 16:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA