Covid, l'allarme della Fondazione Gimbe: «Il vaccino non basta, serve un altro lockdown»

Video

La tanto temuta terza ondata di coronavirus è ormai alle porte e il vaccino non può risolvere tutti i problemi: stando a quanto emerge dal nuovo monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, stanno incrementando i nuovi casi settimanali di Covid, arrivati, dal 6 al 12 gennaio, a 121.644 rispetto ai 114.132 della settimana precedente. Mentre sul fronte ospedaliero si registra una lieve risalita dei ricoverati con sintomi (23.712 rispetto a 23.395) e delle terapie intensive (2.636 rispetto 2.569). Ancora in aumento i decessi settimanali, 3.490 rispetto a 3.300.

 

 

Leggi anche > «Riattivare 500 posti in terapia intensiva in 48 ore»: dagli ospedali la lettera choc

 

«Il vaccino non è una soluzione immediata e serve adesso il lockdown», fa sapere Gimbe, che spiega che nel dettaglio, dal 6 al 12 gennaio, rispetto alla settimana precedente, si registra una crescita del 2,6% delle terapie intensive, del 3,4% dei ricoverati con sintomi, del 5,8% dei decessi e un aumento del 6,6% dei nuovi casi (a fronte di un +9,7% di casi testati). «I dati - afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - confermano la lenta risalita dei nuovi casi settimanali e, sul versante ospedaliero, il costante aumento di ricoveri e terapie intensive, dove l'occupazione da parte di pazienti Covid supera in 10 Regioni la soglia del 40% in area medica e quella del 30% delle terapie intensiva».

 

Leggi anche > Nuovo dpcm, l'Italia quasi tutta arancione. Speranza: «Ecco chi sarà in zona bianca»

 

Nel primo trimestre 2021, spiega Renata Gili, Responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione Gimbe, con una copertura vaccinale minima ci si attende un'elevata circolazione del Sars-CoV-2 (con preoccupanti incertezze sulle nuove varianti) ed elevato impatto della Covid-19 sui servizi sanitari». Di conseguenza, aggiunge, «per centrare l'obiettivo di eliminazione del virus, è indispensabile attuare rapidamente la strategia soppressiva, al fine di ridurre in modo rilevante i casi e appiattire la curva epidemica». In questo modo, con l'arrivo della bella stagione e il progressivo aumento delle coperture vaccinali, conclude Gilli, «la minore circolazione del SARS-CoV-2 permetterebbe, durante i mesi estivi, la ripresa di un'efficiente attività di tracciamento per raggiungere l'obiettivo della progressiva eliminazione»


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Gennaio 2021, 16:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA