Covid, il 60% dei ricoverati ha ancora sintomi dopo due mesi dalle dimissioni dall'ospedale

Covid, il 60% dei ricoverati ha ancora sintomi dopo due mesi dalle dimissioni dall'ospedale

Lo studio condotto dal policlinico Sant'Orsola di Bologna ha riguardato cento pazienti

Fatica a respirare, debolezza e tosse, ma anche dolore toracico, tachicardia, disturbi dell'equilibrio, nausea o febbricola. La ripresa da Covid-19 è tutt'altro che rapida per buona parte di chi si ammala delle forme più gravi anche dopo mesi dalla guarigione. Lo suggerisce uno studio condotto dal policlinico Sant'Orsola di Bologna, secondo il quale il 60%  dei pazienti ricoverati per Covid a due mesi dalle dimissioni dall'ospedale hanno ancora sintomi, percentuale che si riduce al 40% a 6 mesi ma che rimane comunque alta.

 

Leggi anche > Covid, il bollettino di oggi martedì 25 gennaio 2022: 186.740 nuovi contagi e 486 vittime

 

I sintomi più frequenti sono appunto: fatica a respirare, debolezza e tosse, seguono dolore toracico, tachicardia, disturbi dell'equilibrio, nausea o febbricola. La ricerca 'Spontaneous evolution of Covid-19 lung sequelae: results from a double step follow up' è stata condotta dalla Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria dell'Irccs Sant'Orsola diretta da Stefano Nava, ed è pubblicata sulla rivista Respiration. Lo studio ha riguardato cento pazienti dell'ambulatorio pneumologico specialistico Post Covid nella prima ondata della pandemia.

 

Gli stessi - e questa è una particolarità - sono stati rivalutati a due e poi a sei mesi dalla dimissione mentre la maggior parte degli studi sul follow up ad oggi disponibili riguardano una sola valutazione. A due mesi sono stati eseguiti visita, prove di funzionalità respiratoria, test del cammino dei sei minuti, ecografia polmonare e radiografia del torace.

 

A sei mesi dalla dimissione la valutazione ha incluso anche una Tc torace ad alta risoluzione, al fine di indagare l'evoluzione radiologica della polmonite da Covid-19. Per quanto riguarda le prove di funzionalità respiratoria, da due a sei mesi è stato riscontrato un miglioramento significativo della funzionalità polmonare con l'86% dei pazienti che mostra una spirometria nella norma a sei mesi dalla dimissione. Il test del cammino mostra che i pazienti che hanno avuto una polmonite interstiziale più severa a due mesi dalla dimissione percorrono distanze inferiori. Radiologicamente la maggior parte (64%) dei pazienti presenta, a due mesi dal ricovero, alterazioni all'RX torace. Tra i pazienti più gravi solo il 26% delle Tc a sei mesi sono completamente «ripulite».


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Gennaio 2022, 22:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA