Coronavirus, ragazzo di 17 anni positivo in Valtellina. Procollo su studenti entrati in contatto, famiglia infuriata: «Non ci hanno avvisati»

Coronavirus, ragazzo di 17 anni positivo in Valtellina: protocollo su studenti a Sondalo, Livigno, Bormio e Valfurva. Famiglia infuriata: «Non ci hanno avvisati»

È risultato positivo al coronavirus un diciassettenne residente in un paese della Valtellina, che studia però all'istituto agrario di Codogno. Venerdì, dopo esser tornato nel paese della provincia di Sondrio, ha iniziato ad avere la febbre e gli è stato fatto il tampone all'ospedale di Sondrio.

Leggi anche > Coronavirus in Italia, gli aggiornamenti in diretta. Positivo 17enne in Valtellina, stop gite scolastiche. Migranti Ocean Viking in quarantena


Ulteriori dettagli appaiono sul sito locale 'ValNews': il giovane è di Valdidentro e aveva sintomi sospetti per i quali è stato effettuato un prelievo attorno a mezzogiorno di ieri dal personale sanitario di Areu. Il ragazzo, che studia all'Istituto agrario di Codogno, cuore del focolaio lombardo del virus, è tornato a casa venerdì pomeriggio. Ieri mattina al risveglio la febbre alta e sintomi preoccupanti che hanno indotto i genitori a chiamare il 112. Ora verrà applicato il protocollo relativo all'emergenza sanitaria in corso, non si sa al momento se e dove verrà trasferito il giovane paziente. Intanto, l'Ats della Montagna ha già individuato le persone con cui il 17enne è entrato in contatto nelle ultime ore, compresi diversi studenti valtellinesi di quello stesso istituto agrario residenti in Alta Valtellina, in particolare a Sondalo, Livigno, Bormio e Valfurva. Questa mattina in Prefettura a Sondrio si terrà un vertice per affrontare la delicata situazione.


La famiglia dello studente 17enne della Valtellina risultato positivo al Coronavirus si dice «fortemente arrabbiata» con l'Ats (l'ex Asl) della Montagna «perché sicuramente da ieri sera l'autorità sanitaria sapeva dell'esito degli accertamenti e non ci ha informati. Lo abbiamo saputo oggi dai giornalisti. Non sappiamo cosa dobbiamo fare, se ora chiamare il medico di base, come comportarci». E annuncia di essersi rivolta ad un avvocato. Il ragazzo, che studia all'istituto di Agraria Tosi di Codogno (Lodi), si trova nella sua abitazione, dove gli è stato fatto il tampone. Sta meglio, ma ieri la febbre era alta.
Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Febbraio 2020, 12:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA