Coronavirus, Borrelli annuncia: «Superati i mille ammalati, i morti sono 29»

In Italia sono 1.049 le persone che ad oggi risultano positive al Coronavirus. A queste si aggiungono 29 persone decedute e 50 guariti in tutta Italia. Complessivamente, dall'inizio dell'emergenza sono stati dunque 1.128 i contagiati. È il bilancio fornito dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli. Lo ha detto durante il quotidiano punto stampa delle ore 18. «Sono stati 552 i contagiati in Lombardia, pari al 52% totale, 189 in Veneto pari al 18%»

LEGGI ANCHE > Coronavirus, la chiusura delle scuole: ecco cosa hanno deciso le Regioni
 
 

«Complessivamente la macchina della Protezione civile ha coinvolto 1.700 uomini, di cui 800 nostri volontari».  Il 52% degli ammalati di Coronavirus sono in isolamento domiciliare.

«Le persone ricoverate sono il 38%» delle persone malate «e il 10% in terapia intensiva». Lo afferma il Commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus, Angelo Borrelli, parlando alla Protezione civile. «Invitiamo a non intasare il numero di emergenza, contattate i medici di famiglia telefonicamente e i numeri di emergenza solo in caso di necessità». «Stiamo confezionando un provvedimento per la ripresa delle attività dove ci sono state restrizioni: non chiedetemi anticipazioni, stiamo lavorando». «Ringrazio il ministro Speranza e il ministero per l'importante accordo con Google e Youtube per mettere in evidenza l'informazione attendibile e certificata che si trova in rete
», spiega sempre Borrelli. «Da più parti è stata avanzata l'esigenza di mascherine. Le stiamo cercando con i colleghi della Regioni. In particolare servono mascherine chirurgiche, ne stiamo recuperando tante, con numeri che confidiamo di incrementare».

LA SITUAZIONE IN LOMBARDIA
«Il virus è ancora presente, in fase espansiva, ma siamo molto speranzosi che presto possano iniziarsi a vedere gli effetti positivi delle misure assunte una settimana fa». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. È ancora in corso il tavolo con il governo che «sta portando buoni frutti, ci siamo molto basati su quanto detto ieri dai professionisti e quello che oggi è stato detto da altri esperti che il governo ha interpellato». «Bisogna cercare di fare in modo che si possano compenetrare le esigenze di rispettare le libertà dei nostri cittadini e la tutela della sanità», ha concluso.

«Siamo a 615 tamponi positivi in Lombardia su un totale di 5.723 tamponi realizzati, circa il 12% del totale. Abbiamo ricoverati 256 pazienti e in terapia intensiva sono 80», per l'emergenza coronavirus. Sono i nuovi dati resi noti dall'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera«L'ospedale di Cremona è quello più sotto pressione assieme a quello di Lodi». Aggiungendo che «se riusciamo ad avere solo alcuni ospedali in difficoltà, il sistema riesce a resistere». «È partito il reclutamento in alcuni presidi ospedalieri, servono alcune figure mediche specifiche, anche perchè alcuni medici sono positivi e quindi vanno in quarantena. L'idea - ha proseguito - è quindi di fare un albo delle disponibilità di figure professionali da utilizzare di volta in volta».

LA SITUAZIONE IN EMILIA ROMAGNA
Hanno raggiunto quota 217, cioè sono 28 in più, i casi di positività al coronavirus in Emilia-Romagna. Secondo i dati aggiornati alle 17 di oggi, comunicati dall'assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, 138 sono i positivi a Piacenza, 35 a Parma, 2 a Bologna, 22 a Modena, 1 a Ravenna e 4 a Reggio Emilia. Altri due i decessi, che portano a 4 il numero totale. Si tratta di pazienti ultraottantenni. I decessi sono avvenuti nell'ospedale di Parma e in quello di Piacenza. A Parma si tratta di una signora di 81 anni e a Piacenza di un paziente lombardo di 83 anni. Per quanto riguarda i casi di positività, la maggioranza delle persone continua a presentare sintomi modesti e più della metà, 116, cioè il 54%, sta seguendo il previsto periodo di isolamento a casa, senza bisogno di ricovero in ospedale. Sono 19 i pazienti asintomatici. I ricoverati, invece, sono 86, cui vanno aggiunti 11 pazienti in terapia intensiva.

Ultimo aggiornamento: Domenica 1 Marzo 2020, 10:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA