Coronavirus, lo sfogo della figlia di un'operatrice sanitaria di Codogno in quarantena: «Starle lontano fa male»
di Emiliana Costa

Coronavirus, lo sfogo della figlia di un'operatrice sanitaria di Codogno in quarantena: «Starle lontano fa male»

Coronavirus, lo sfogo della figlia di un'operatrice sanitaria di Codogno in quarantena: «Starle lontano fa male». Elena è la figlia di un'operatrice dell'ospedale di Codogno, nel lodigiano, dov'è stato ricoverato il paziente uno. La mamma ora è in quarantena ed Elena affida a Twitter il suo dolore.

Leggi anche > Coronavirus, cosa fare se si presentano i sintomi: no al pronto soccorso

Leggi anche > Coronavirus diretta, secondo morto in Italia: è una donna di 75 anni già debilitata

«Mia mamma - scrive Elena - lavora nel pronto soccorso di Codogno dove è stato questo signore (il 38enne ricoverato, ndr). Non sapete quanto fa male sapere che lei e tutti i suoi colleghi dovranno stare in isolamento per 15 giorni. Chi fa questo lavoro va ringraziato ogni giorno per ciò che fa». 



Immediati i commenti di sostegno di tanti follower. «Coraggio alla tua mamma, a tutto il personale sanitario e agli altri pazienti che erano lì». E ancora: «Gratitudine al personale medico e paramedico che affronta il serio problema del Coronavirus e a tutti gli scienziati che in ogni parte del mondo lo stanno studiando».
Ultimo aggiornamento: Sabato 22 Febbraio 2020, 15:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA