Salvini: «Il Covid in Italia è sotto controllo, il pericolo è nei barconi dei migranti»

Salvini: «Il Covid in Italia è sotto controllo, il pericolo è nei barconi dei migranti»

Il pericolo coronavirus? Per Matteo Salvini arriva dai barconi dei migranti. Ospite della trasmissione televisiva Aria Pulita, l'ex ministro dell'Interno ha commentato la notizia di 28 immigrati positivi al Covid-19 sbarcati in Sicilia: «Stiamo tenendo sotto i controlli l'Italia e gli italiani e ci mancano barchini e barconi. Quella nave è una follia come costo, come rischio e adesso abbiamo scoperto che è una follia anche dal punto di vista sanitario. Il fatto che siano triplicati gli sbarchi di immigrati solo via mare dall'anno scorso è una cosa che non mi dà pace».

Leggi anche > Ricciardi: «Non è più buono, ma ha meno carica virale. Riaprire le scuole in sicurezza»

L'emergenza Covid vede numeri sempre più ridotti lungo la Penisola e per il segretario della Lega «è inutile continuare a terrorizzare le persone, possiamo dire che in Italia fortunatamente, naturalmente bisogna continuare a essere prudenti, la situazione è sotto controllo». Quanto ai decreti sicurezza«non ho ancora capito perché e su quali temi, i decreti sicurezza hanno dato risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Vorrei capire se l'emergenza di questo Paese in questo momento è cancellare i decreti sicurezza e per fare cosa. Conto sul fatto che la maggioranza litighi anche su questo, perché tanto sta litigando su tutto».

"NON MANDO MIA FIGLIA A SCUOLA" «Io mia figlia di 7 anni a scuola a settembre in un'aula buia, con la mascherina, non ce la mando», ha aggiunto Salvini partecipando ad una manifestazione davanti al ministero dell'Istruzione. «In tutta Europa i bambini stanno andando a scuola senza distanza, senza mascherina, con la maestra. Perchè qui in Italia no?». «Sono qui da genitore e non da senatore. C'è un ministro non in grado di gestire la situazione, non c'è certezza per i presidi, i genitori, i sindaci e i nostri figli: non si sa quando si riparte, dove e come si riparte, chi mette la mascherina,chi mette il plexiglass. Chi paga non si sa, chi sanifica nemmeno. Un governo che mette la scuola in fondo a tutto non fa il bene del Paese», sostiene Salvini attaccando il ministro Azzolina. 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Giugno 2020, 13:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA