Coronavirus a Parma, il pronto soccorso si svuota: la prima vittoria contro il Covid-19
di Elena Benelli

Coronavirus a Parma, il pronto soccorso si svuota: la prima vittoria contro il Covid-19

Il pronto soccorso Covid di Parma - una delle città martoriate dal virus - si svuota e potrà essere sanificato a fondo. E' una prima buona notizia, la prima vittoria della battaglia controla pandemia.
«Posso confermare il trend in calo a livello di accessi di nuovi contagi. I nuovi episodi di malattia sono decisamente in calo. Probabilmente è il frutto delle misure restrittive messe ii atto a livello governativo che stano dando i primi risultati» ha spiegato Francesco Scioscioli, direttore del Pronto soccorso e Medicina d’urgenza dell’Ospedale di Parma.

Leggi anche > Milano, il medico d'ospedale nell'area Covid-19: «Esaudiamo gli ultimi desideri, un camice bianco nella bara»

l numero degli accessi è infatti progressivamente sceso fino alle poche unita registrate nello scorso weekend. Dopo settimane di lotta senza sosta contro il coronavirus durante le quali gli operatori sanitari si affannavano attorno ai pazienti che a decine arrivavano ogni giorno in ospedale. Il risultato ottenuto - con le debite cautele - è il simbolo della vittoria contro il virus là  dove per giorni si è temuto il collasso del sistema di accoglienza dei pazienti

La guerra contro il coronavirus però continua: «È importante non abbassare la guardia, è presto per dire che si è raggiunto il picco e che i casi sono in discesa anche perché abbiamo notizie delle province limitrofe dove i casi sono ancora alti e i numeri restano importanti - ha avvertito lo stesso Scioscioli - Dobbiamo assolutamente tenere alto il livello di vigilanza sperando che effettivamente questo sia un segnale positivo per quanta riguarda gli accessi al pronto soccorso in generale» ha concluso Scioscioli.

In tutta la provincia di Parma (aggiornamento 30 marzo 2020) i casi di contagio da coronavirus sono 1.859 mentre i decessi hanno superato le 330 unità.
Ultimo aggiornamento: Martedì 31 Marzo 2020, 17:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA