Coronavirus, neonata di un mese e mezzo guarita a Bergamo: la piccola Beatrice torna a casa

È forse la più piccola guarita d'Italia: Beatrice Aurora, nata lo scorso 11 febbraio a Bergamo, è stata trovata positiva al coronavirus e ricoverata il 5 marzo, ed è tornata a casa solo qualche giorno fa. «Dopo pochi giorni l'abbiamo portata in ospedale per una visita di controllo - raccontano i genitori Marco e Marta - Le hanno fatto il tampone, come prassi visto il diffondersi del virus, e da lì, per 20 giorni, non l’abbiamo più vista».

«Noi, infermieri in prima linea. Sudore e lacrime sotto le mascherine»

Dopo la paura iniziale, le cure e finalmente il risultato tanto atteso: il tampone negativo dopo i primi due positivi. Ma il dolore è stato tanto: «Ho avuto paura che morisse. Ci dicevano che stava bene, ma allora perché non potevo vederla e portarla a casa?». Fortunatamente Beatrice, soprannominata "la piccola guerriera di Bergamo", ora è potuta tornare a casa dai suoi fratellini, Ilaria, Chiara e Gabriele.


Coronavirus, gli esperti: a un passo dal picco, il perché della discesa

Che però dovranno aspettare ancora un po' prima di prenderla in braccio: 
«Siamo tutti provvisti di mascherina, i bimbi non possono avvicinarsi a Beatrice e noi dobbiamo usare le dovute precauzioni per evitare problemi a lei e alla famiglia - spiega la mamma all'Eco di Bergamo - Siamo contenti di aver riportato a casa la nostra Beatrice, che è in buona salute. Speriamo che nei prossimi giorni le visite di controllo ci dicano che è negativa. Abbiamo passato una ventina di giorni tristi, durante i quali non abbiamo mai potuto vederla e ogni giorno il personale medico e infermieristico ci informava del decorso della malattia e sul suo quadro clinico». Dopo tante lacrime di dolore, sono però arrivate quelle di gioia: Beatrice ce l'ha fatta. 
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 2 Aprile 2020, 09:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA