Mattia, 18 anni, sta meglio ed è stato estubato. Aveva scritto alla mamma: «Non ti lascio sola»

Mattia, 18 anni, sta meglio ed è stato estubato. Aveva scritto alla mamma: «Non ti lascio sola»

La sua storia aveva commosso l’Italia: Mattia, 18 anni, studente cremonese positivo al coronavirus che da qualche giorno era intubato per via del contagio da Covid-19, sta meglio ed è stato estubato dai medici dell’ospedale Maggiore di Cremona in cui è ricoverato.

Leggi anche > Coronavirus, tregua col caldo estivo? «Sperare non guasta»

Prima di entrare in coma farmacologico, il giovane aveva mandato un messaggio commovente alla mamma: «Stai tranquilla, non ti lascio sola», aveva scritto. Una storia che aveva commosso l’Italia, come racconta oggi il Corriere della Sera: «Sono senza parole, la notizia più bella è arrivata, le parole della mamma. Mi aveva fatto una promessa, quella che non mi avrebbe lasciata sola, e l’ha rispettata».

Leggi anche > Mattia alla mamma: «Non ti lascerò sola». Il messaggio commovente

Mattia stamattina è riuscito a parlare con la madre grazie a una videochiamata, ha raccontato il dirigente dell'Ufficio scolastico territoriale Fabio Molinari in un video su YouTube. «Questa mattina ho ricevuto una bella notizia, la mamma di Mattia ha avuto una videochiamata dal reparto e ha potuto vedere suo figlio che è stato estubato, ora - racconta Molinari, che aveva proposto un momento di raccoglimento e preghiera per il ragazzo - ha solo la mascherina, è molto stanco e un poco assopito ma si sono parlati brevemente».

Quella di oggi «è una splendida notizia, per noi Mattia è il simbolo di quest'emergenza, è il ragazzo più giovane colpito da questo virus e ha lottato con la morte per riuscire a riprendersi». Mattia ha mantenuto la promessa e «ci ha coinvolti tutti, ci ha fatto sentire come scuola una comunità unita e sempre più solidale. La mamma - riferisce il provveditore - mi ha chiesto di ringraziare il personale medico e paramedico dell'ospedale di Cremona perché hanno trattato Mattia come un figlio, mi ha detto 'gli hanno donato la vita per la seconda volta'».


IL TWEET DI RENZI La storia di Mattia è stata ripresa anche dall'ex premier Matteo Renzi, che ne ha parlato sul suo profilo Twitter:  «Prima di essere intubato, aveva promesso alla madre: 'Non ti lascerò sola'. Un ragazzo Cremonese di 18 anni, Mattia, oggi è stato estubato e i bravissimi medici ci informano che ha già videochiamato la mamma. Storie di umanità e bellezza», ha twittato il leader di Italia Viva.

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Aprile 2020, 20:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA