Coronavirus Italia, Consiglio superiore sanità: «Verso segni tangibili di calo». Borrelli: «Non abbassare la guardia»

I numeri del coronavirus in Italia sono in calo. «I numeri di oggi sono minori rispetto a quelli di ieri, mi auguro che questi numeri possano essere confermati. Non bisogna abbassare la guardia, tenere le misure adottate e rispettare le indicazioni anche del provvedimento del governo», ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli durante la conferenza stampa alla Protezione civile.

LEGGI ANCHE --> Misurazione della febbre per entrare al supermercato

Non solo. «Non vogliamo farci prendere da facili entusiasmi né sopravvalutare una tendenza ma è un segnale che arriva a quella che comincia ad avvicinarsi come una distanza temporale rispetto alla quale ci aspettiamo di vedere segni tangibili di misure di contenimento intraprese», ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità durante la conferenza.

LEGGI ANCHE --> ​​Coronavirus Italia, mappa contagio: 84% dei morti in Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna. Italia, 51% in isolamento

E ancora. «Le prima misure stringenti di contenimento sono state adottate l'11 marzo, quindi ci aspettavamo di vedere risultati a partire da 2-3 settimane. Quindi la prossima settimana sarà da questo punto di vista assolutamente cruciale e ci aspettiamo di vedere un segnale di inversione di tendenza», ha concluso Locatelli.

 

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Marzo 2020, 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA