Coronavirus, oltre 2.500 morti in Italia: oggi altre 345 vittime e 2.989 contagiati. I casi totali sono 31.506 di cui 2.941 guariti IL GRAFICO

Coronavirus in Italiaaltre 345 vittime nelle ultime ventiquattro ore. Ieri l'aumento quotidiano era invece di 349. I morti totali salgono a 2.503. Sono 2.941 le persone guarite, 192 in più di ieri. Ieri il dato giornaliero sui guariti era di 414. Lo ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli nel consueto bollettino delle 18 durante la conferenza stampa alla Protezione Civile. 

I malati sono 26.062, 2989 in più di ieri. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 31.506. Sono 2.060 i malati ricoverati in terapia intensiva, 209 in più rispetto a ieri. Di questi 879 sono in Lombardia. Sono 12.894 i ricoverati con sintomi e 11.108 in isolamento domiciliare.  Il dato di oggi di vittime e contagiati «è nel trend dei dati che stiamo vivendo in questi giorni. La prossima settimana potremo avere dei dati più adeguati in relazione alle misure adottate», ha dichiarato Borrelli. 

Leggi anche > Coronavirus in Lombardia, oggi 220 morti. I positivi nella regione sono 16.220

Leggi anche > Coronavirus a Roma, bimbo di 5 mesi positivo al Bambin Gesù



Borrelli ha annunciato che l'ospedale da campo degli alpini sarà installato a Bergamo. Nella giornata di oggi sono stati trasferiti dagli ospedali della Lombardia 50 pazienti in terapia intensiva. Sui posti di terapia intensiva esauriti nell'ospedale Papa Giovanni XXIII il capo della Protezione Civile ha detto: «L'ho letto in giro ma a me non è stato comunicato».  È ancora «prematuro fare delle previsioni sulle diffusioni del virus al sud e per poter esprimere dei giudizi», ha aggiunto Borrelli ribadendo che «quello che è importante è limitare la mobilità e stare più possibile a casa, perché questo è l'unico modo che ci permette di ridurre» la diffusione del virus.

«Annunciamo uno studio su cui c'era molta attesa, la sperimentazione del tocilizumab, farmaco per artrite reumatoide; i dati preliminari sono promettenti. Lo studio sarà su 330 pazienti e partirà giovedì per valutare l'impatto del farmaco», ha detto Nicola Magrini, direttore Aifa, Agenzia italiana del farmaco, alla conferenza stampa alla Protezione civile. «Questo consentirà di avere un dato sull'entità e la quantificazione del beneficio».

I DATI REGIONE PER REGIONE

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 12.095 in Lombardia, 3.404 in Emilia-Romagna, 2.488 in Veneto, 1.302 nelle Marche, 1.764 in Piemonte, 1.024 in Toscana, 661 in Liguria, 550 nel Lazio, 423 in Campania, 347 in Friuli Venezia Giulia, 368 nella Provincia autonoma di Trento, 282 nella Provincia autonoma di Bolzano, 320 in Puglia, 226 in Sicilia, 192 in Umbria, 216 in Abruzzo, 112 in Calabria, 115 in Sardegna, 134 in Valle d’Aosta, 19 in Molise e 20 in Basilicata.
Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Marzo 2020, 19:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA