Coronavirus, l'indice di contagiosità Rt regione per regione: «Sotto 1 in quasi tutta Italia»

video
Da settimane si parla dell'indice di contagiosità Rt, che fotografa il trend dei casi di coronavirus: in conferenza stampa all'Istituto superiore di sanità il presidente Silvio Brusaferro ha parlato questa mattina di come il trend sia in calo in tutte le regioni, ma con valori di Rt che «oscillano molto» da territorio a territorio. Ma quali sono i suoi valori nelle varie regioni italiane?

Leggi anche > Iss: «Contagi in calo, ma il virus circola ancora. Aumentano gli asintomatici»

 
 

Come illustrato in conferenza stampa, il dato passa dallo 0,17 in Calabria all'1,06 della Valle d'Aosta, regione che non suscita particolari preoccupazioni negli esperti, perché «bastano pochissimi casi in un'area dove il virus circola poco per far salire questo valore, che resta comunque intorno a 1», come hanno spiegato.

Leggi anche > Spallanzani: «44 positivi, 11 con supporto respiratorio». Parte sperimentazione sul plasma

«L'incidenza settimanale - ha sintetizzato il presidente dell'Iss - è molto eterogenea nel territorio nazionale. In alcune regioni il numero di casi è ancora elevato denotando una situazione complessa, ma in fase di controllo. In altre il numero di casi è molto limitato. Non si registrano segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali ospedalieri sul territorio nazionale, e si osservano livelli di resilienza in miglioramento», ha concluso Brusaferro.

REGIONE PER REGIONE
Ecco dunque le stime aggiornate, regione per regione:
Abruzzo 0,86,
Basilicata 0,63,
Calabria 0,17,
Emilia Romagna 0,49,
Campania 0,45,
Friuli Venezia Giulia 0,63,
Lazio 0,71,
Liguria 0,52,
Lombardia 0,51,
Marche 0,48,
Molise 0,51,
Piemonte 0,39,
Bolzano 0,45,
Trento 0,77,
Puglia 0,56,
Sardegna 0,27,
Sicilia 0,69,
Toscana 0,59,
Umbria 0,53,
Valle d'Aosta 1,06,
Veneto 0,56. 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Maggio 2020, 22:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA