Coronavirus, dove e come fare la spesa dopo le restrizioni del nuovo decreto

Coronavirus, dove e come fare la spesa dopo le restrizioni del nuovo decreto

Con le nuove restrizioni del governo cosa cambia per fare la spesa? Andare al supermercato o negli alimentari rientara tra gli spostamenti che si effettuano per necessità, ma vista l'ulteriore stretta e l'impossibilità di muoversi dal proprio comune di residenza o di domicilio che cosa cambia di fatto?

Leggi anche > Coronavirus, Bertolaso ricoverato al San Raffaele di Milano: era a casa in autoisolamento

Si potrà sempre uscire per acquistare generi alimentari e non c’è alcuna necessità di accaparrarseli ora perché saranno sempre disponibili, viene premesso per chiarezza e poi si specifica che gli spostamenti tra diversi comuni dovranno essere legati a una stretta necessità. Laddove quindi il Comune non disponga di punti vendita, o sia necessario acquistare con urgenza generi di prima necessità non reperibili nel Comune di residenza o domicilio, lo spostamento è consentito solo entro tali stretti limiti, che dovranno essere autocertificati. 

Oltre che per fare la spesa ci si può spostare per acquistare prodotti di igiene personale, elettronici, quelli riservati ai piccoli animali, tabacchi e giornali. Viene raccomandato di cercare di fare spese abbondanti, almeno per una settimana, di lavare frutta e verdura prima di metterla in frigo e di lavarsi le mani appena si rientra a casa.
 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Marzo 2020, 19:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA