Coronavirus, «Il covid potrebbe essere anche sessualmente trasmissibile»: lo studio dei ricercatori cinesi

Coronavirus, «Il covid potrebbe essere anche sessualmente trasmissibile»: lo studio dei ricercatori cinesi

Tracce di coronavirus anche nello sperma. Il covid 19 potrebbe essere trasmissibile anche a livello sessuale, anche se si tratta solo di un'ipotesi, per ora, che deve essere verificata dagli studiosi. I primi che hanno avanzato questa ipotesi sono stati un gruppo di ricercatri cinesi.

Leggi anche> Coronavirus, Le Foche: «Potrebbe esserci una seconda ondata a dicembre, ma sarà meno aggressiva»

I medici dell’ospedale municipale di Shangqiu, nella provincia cinese di Henan, hanno avviato una ricerca sperimentale sui pazienti ricoverati. Si tratta di un report su un piccolo gruppo, per questo non attendibile, ma gli esperti hanno dichiarato, come riportato sul sul Journal of American Medical Association: «serviranno ancora approfondimenti per confermare che il virus possa trasmettersi attraverso il seme».

Lo studio ha analizzato tutti i pazienti maschi sopra ai 15 anni  ricoverati in ospedale tra il 26 gennaio e il 16 febbraio. In modo particolare sono stati presi come campione 50 pazienti, di questi solo 38 è riuscito a fornire sperma, tra questi 23 sono risultati completamente negativi nell'arco di tempo stimato dagli studiosi, mentre 15 ancora positivi. Tra tutti i partecipanti allo studio 6 persone hanno mostrato tracce di covid nello sperma, di cui 4 in fase acuta e 2 in fase di recupero.

Questo significa che il covid potrebbe essere anche sessualmente trasmissibile, per questo, sebbene non ci siano prove scientifiche, la raccomandazione è quella di astenersi dall'attività sessuale se ci si ritiene soggetti a rischio e di usare protezioni adeguate. 
Ultimo aggiornamento: Domenica 31 Maggio 2020, 14:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA