Coronavirus, come proteggersi dalla malattia se si vive in casa con una persona positiva. Cosa fare

Coronavirus, come proteggersi dalla malattia se si vive in casa con una persona positiva. Cosa fare

Il numero dei contagi da coronavirus cresce in modo preoccupante e può capitare di dover condividere la casa con persone positive. Vivere sotto lo stesso tetto con un malato espone notevolmente al contagio, per questo si viene messi in quarantena anche se non si è di fatto positivi al tampone. Ma come fare a proteggersi e ridurre le possibilità di ammalarsi in questi casi?

 

Bastano delle semplici regole da rispettare in casa, la prima tra tutte è il distanziamento, quindi cercare di far stare la persona malata in una stanza o in un'area della casa separata da tutto il resto. Evitare di condividere oggetti, è bene che il malato abbia accessori per il bagno che siano esclusivamente suoi, ben distanti dagli altri e che non vengano mai usati dagli altri abitanti. Stessa cosa vale per i piatti o i bicchieri, tovaglioli e bottiglie, così anche il telefono non deve essere scambiato con nessun altro elemento della famiglia.

 

Evitare i contatti. Anche se è difficile è bene cercare di non abbracciarsi e baciarsi, anche se si vive un momento di difficoltà. Nel caso in cui si abbiano permessi per poter lasciare l'appartamento  è importante ricordarsi di mettere sempre la mascherina, evitare di usare ascensori e ovviamente ridurre al massimo l'ingresso di altre persone nell'appartamento in cui si trova un malato. 


Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Ottobre 2020, 08:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA