Coronavirus, oltre 36mila vittime in Italia. Sedici morti e 2.257 nuovi positivi nelle ultime 24 ore.
di Domenico Zurlo

Coronavirus, bollettino di oggi 5 ottobre: oltre 36mila vittime in Italia. Sedici morti e 2.257 nuovi positivi, 431 in Campania

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi lunedì 5 ottobre del Ministero della Salute. I nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore restano stabili sui numeri degli ultimi giorni e sono 2.257, con 60.241 tamponi (ieri erano stati 2.578 con 92.714 tamponi): 16 invece i decessi (ieri erano stati 18). Con 767 dimessi/guariti in più, gli attualmente positivi salgono ancora a quota 58.903 (1.474 in più rispetto a ieri, quando l'aumento era stato di 1.863 unità). 

Leggi anche > Il virologo Crisanti: «Obbligo di mascherina non serve se intorno non c'è nessuno»

Il totale delle vittime di Covid-19 sale a 36.002, mentre il numero totale dei casi è di 327.586. Dei 16 morti 5 vengono dal Lazio, 2 da Lombardia, Toscana, Sicilia, 1 da Piemonte, Campania ed Emilia Romagna, Puglia e Abruzzo. Ancora altissimi i numeri in Campania, dove si registrano 431 nuovi casi, unica regione oltre i 400 casi giornalieri, seguita da Lombardia (251), Lazio (248) e Veneto (230). Nessuna regione a contagio zero.

IL BOLLETTINO DI OGGI

I casi Covid-19 in Italia dall'inizio dell'emergenza sono ora 327.586 (2.257 in più rispetto a ieri), di cui 36.002 morti e 232.681 dimessi e guariti, 767 nelle ultime ventiquattro ore. Il numero di attualmente positivi nel nostro Paese è 58.903, ieri era di 57.429, un aumento di 1.474 unità.
 
Sono 323 i malati in terapia intensiva (ieri erano 303). I ricoverati con sintomi sono 3.487, 200 in più rispetto a ieri, e le persone in isolamento domiciliare sono 55.093 (1.254 in più). I tamponi effettuati fino ad oggi sono 11.844.346, di cui 60.241 nell’ultimo giorno (ieri erano stati 92.714). Il numero di persone realmente sottoposte al test sono 7.153.866. Ricordiamo che ogni persona può essere sottoposta a più di un tampone.


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Ottobre 2020, 17:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA