Coronavirus, record di guariti: mille contagi in meno. «Ma si deve restare a casa fino a dopo Pasqua»

video
di Simone Pierini
Il record assoluto è quello dei guariti, mai così tanti dall'inizio dell'epidemia in un solo giorno: 1.590. Poi ci sono i contagi, in rapida discesa nonostante l'alto numero di tamponi: il trend è passato dal 5,6% di domenica al 4,1% di ieri, con 4.050 persone positive in più rispetto ai 5.217 del giorno precedente. Purtroppo l'Italia supera anche i centomila casi accertati e conta altre 812 vittime per un totale di 11.591 morti. Sono 75.528 le persone affette da Covid-19 75.528 ma scende la pressione sui pronto soccorso visto che i posti letti occupati in terapia intensiva sono 3.981, di cui 1.330 solo in Lombardia (che anche ieri ha mostrato un rallentamento).

Leggi anche > Coronavirus, cinque vaccini italiani. Test a maggio sui topi, ma a ottobre sull'uomo

A preoccupare è il caso di Milano che ha conquistato il primato di provincia più colpita d'Italia constatando una percentuale di aumento di casi maggiore (+4,17%) rispetto Bergamo e Brescia (scese al 1,61% e al 2,50%). Così il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, annuncia che 6 studi clinici sono in corso dopo l'autorizzazione dell'Aifa e che sta iniziando un'indagine con i test sierologici (quindi sul sangue) per individuare immuni e il rapporto tra «sintomatici e asintomatici. Si considereranno anche le fasce d'età, in modo da avere una distribuzione bilanciata e le informazioni saranno di primaria importanza».

La speranza di vedere una stabilizzazione in Italia è stata espressa anche dal direttore esecutivo dell'Oms Michael Ryan, che ha ricordato come «i casi di oggi riflettano i contagi di 15 giorni fa». Secondo uno studio del professor Franco Peracchi (dell'Einaudi Institute for Economics and Finance), l'Italia potrebbe arrivare a zero contagi tra il 5 e il 16 maggio, con alcune regioni - quelle meno colpite - che potrebbero anticipare quella data entro la fine di aprile.

Ma il lockdown totale ci sarà sucuramente almeno fino al 18 aprile. «Riaprire il paese anche scaglionato? Parliamone dopo Pasqua - risponde senza fronzoli il presidente del Consiglio superiore di sanità -. Ma siamo sulla buona strada».

riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: Martedì 31 Marzo 2020, 10:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA