Coronavirus, 55 morti e 318 casi positivi in più: oltre la metà in Lombardia, otto regioni con zero contagi
di Simone Pierini

Coronavirus, 55 morti e 318 casi positivi in più: oltre la metà in Lombardia, otto regioni con zero contagi

In Italia altre 55 persone sono morte per conseguenze derivate dal coronavirus con il totale che è arrivato a 33.530. Ieri il dato era di 60. È quanto ha diramato il dipartimento della Protezione civile nel bollettino di oggi martedì 2 giugno.

Dei 55 decessi registrati oggi 12 provengono dalla Lombardia, 12 dall'Emilia Romagna, 8 dal Piemonte, 5 dalla Toscana, 5 dall'Abruzzo, 3 dal Veneto, 2 dal Lazio, 2 dalla Campania, 2 dalla Puglia, 1 dalla Liguria, 1 dalla provincia autonoma di Trento, 1 dalla Sicilia, 1 dal Friuli Venezia Giulia. Zero morti nelle Marche, nella provincia autonoma di Bolzano, in Basilicata, in Molise, in Calabria, in Sardegna, in Umbria, in Valle d'Aosta. 

Il dato del contagio è in linea con quanto registrato domenica: 318 casi positivi in più a fronte di 52.159 tamponi. Con l'aumento dei test (oltre ventimila in più) è risalito di conseguenza il numero di casi con la Lombardia che da sola ne conta 187 e il Piemonte che riprende a crescere a quota 57. Altalena invece in Liguria che in un solo giorno passa da 56 a 15 casi in più. In calo il Lazio che oggi si ferma a quota 5

Il dato più eclatante sono le otto regioni a quota zero contagi: Basilicata, Molise, Calabria, Sardegna, Valle d'Aosta, Umbria, Puglia e Trentino Alto Adige (unendo le province autonome di Trento e Bolzano)



IL BOLLETTINO DI OGGI

I casi Covid-19 in Italia dall'inizio dell'emergenza sono ora 233.515 (318 in più rispetto a ieri), di cui 33.530 morti e 160.092 guariti o dimessi, 1.737 nelle ultime ventiquattro ore. Il numero di attualmente positivi nel nostro Paese è di 39.893 persone, ieri era di 41.367, una diminuzione di 1.474 unità. 

I tamponi effettuati fino ad oggi sono 3.962.292, 52.159 nell'ultimo giorno. Il numero di persone realmente sottoposte al test sono 2.477.302. Ricordiamo che ogni persona può essere sottoposta a più di un tampone. 

Sono 408 i malati in terapia intensiva, 16 in meno rispetto a ieri. Di questi, 166 sono in Lombardia (-1). I ricoverati con sintomi sono 5.916, 183 in meno, e le persone in isolamento domiciliare sono 33.569 (-94). 

I DATI REGIONE PER REGIONE 

Nel dettaglio - secondo i dati diffusi dalla Protezione Civile -, gli attualmente positivi sono 20.255 in Lombardia (-606), 4.828 in Piemonte (-234), 2.912 in Emilia-Romagna (-156), 1.403 in Veneto (-65), 1.011 in Toscana (-71), 546 in Liguria (-65), 2.847 nel Lazio (-47), 1.326 nelle Marche (-1), 890 in Campania (-49), 1.051 in Puglia (-104), 283 nella Provincia autonoma di Trento (-10), 966 in Sicilia (-1), 244 in Friuli Venezia Giulia (-22), 743 in Abruzzo (-1), 120 nella Provincia autonoma di Bolzano (-3), 31 in Umbria (+0), 155 in Sardegna (-6), 13 in Valle d'Aosta (-4), 112 in Calabria (-23), 133 in Molise (-2), 24 in Basilicata (-4).

Quanto alle vittime, sono in Lombardia 16.143 (+12), Piemonte 3.884 (+8), Emilia-Romagna 4.136 (+12), Veneto 1.921 (+3), Toscana 1.053 (+5), Liguria 1.468 (+3), Lazio 741 (+2), Marche 987 (+0), Campania 415 (+2), Puglia 508 (+2), Provincia autonoma di Trento 463 (+1), Sicilia 275 (+1), Friuli Venezia Giulia 336 (+1), Abruzzo 413 (+5), Provincia autonoma di Bolzano 291 (+0), Umbria 76 (+0), Sardegna 131 (+0), Valle d'Aosta 143 (+0), Calabria 97 (+0), Molise 22 (+0), Basilicata 27 (+0). I tamponi per il coronavirus sono finora 3.962.292, in aumento di 52.159 rispetto a ieri. I casi testati sono finora 2.477.302. 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Giugno 2020, 12:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA