Coronavirus in Italia, l'assessore Gallera: «Ecco cosa deve fare chi avverte i sintomi». Le sei regole del Ministero

Coronavirus in Italia, l'assessore Gallera: «Ecco cosa deve fare chi avverte i sintomi». Le sei regole del Ministero

L'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera, nell'aggiornare in conferenza stampa sulla situazione coronavirus e sui contagiati nel lodigiano, ha invitato tutti i cittadini di Castiglione d'Adda, di Codogno e di Casalpusterlengo, «a scopo precauzionale, a rimanere in ambito domiciliare e ad evitare contatti sociali».

Leggi anche > Chi è il 38enne contagiato: «Lavora alla Unilever, ha giocato a calcio e fatto gara di corsa»

«Il messaggio che diamo a chi abita in questi paesi è di rimanere a casa. Chiediamo di rimanere al proprio domicilio e a chi è stato in contatto con questi casi di chiamare il 112. La situazione è estremamente nuova, particolare per il nostro paese, invitiamo alla calma». 

Leggi anche > Coronavirus, i contagiati in Lombardia sono 6: in isolamento 250 persone

«Per coloro che riscontrino sintomi influenzali o problemi respiratori - ha aggiunto Gallera - l'indicazione perentoria è di non recarsi in pronto soccorso ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari a domicilio». «È attiva da ieri sera - ha spiegato l'assessore - una task force regionale che sta operando in stretto contatto con il Ministero della Salute e con la Protezione Civile. La maggior parte dei contatti delle persone risultate positive al Coronavirus è stata individuata e sottoposta agli accertamenti e alle misure necessarie».

Comunque, il ministero della Salute, aveva reso note alcune "regole" di buon senso, con una serie di consigli da seguire per evitare di esporsi ad inutili rischi.  

LE SEI REGOLE DEL MINISTERO DELLA SALUTE
1 Lavare frequentemente le mani strofinandole bene usando soluzioni alcoliche o acqua e sapone; 
2 Coprire con il gomito flesso o con un fazzoletti di carta la bocca e il naso quando si starnutisce o si tossisce;
3 Evitare contatti ravvicinati con chiunque abbia febbre e tosse; 
4 Se si riscontrano febbre, tosse e difficoltà respiratorie ricercare immediatamente cure mediche e riferire il percorso e i luoghi in cui si è stati al medico;
5 Evitare contatti con animali vivi in aree mercatili;
6 Evitare il consumo di carne e prodotti animali crudi o poco cotti. Gestire con attenzione carne cruda, latte e organi animali per evitare episodi di contaminazione incrociata con cibi crudi.




 
Ultimo aggiornamento: Sabato 22 Febbraio 2020, 14:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA