Al ristorante arrivano i carabinieri: camerieri senza Green pass si danno alla fuga. Multato il titolare

Al ristorante arrivano i carabinieri: camerieri senza Green pass si danno alla fuga. Multato il titolare

Oltre a quelle sul green pass, accertate anche violazioni delle norme Haccp nelle cucine

Stavano lavorando nel ristorante, quando all'improvviso sono arrivati i carabinieri per i controlli sul green pass. A quel punto due camerieri, sprovvisti della certificazione verde, sono fuggiti dal locale, ma questo non è bastato ad evitare, per loro e per il titolare, una multa.

 

Leggi anche > La zona arancione spaventa le piste da sci: «Chiudiamo ai no-vax, se salta anche questa stagione siamo finiti»

 

È accaduto nel centro di Bressanone (Bolzano). Appena i carabinieri sono entrati nel locale, infatti, i due camerieri sono scappati dalla porta sul retro perché entrambi privi di green pass. I militari hanno multato, per 400 euro ciascuno, i due dipendenti ed il titolare, per omesso controllo della certificazione verde. I carabinieri non hanno avviato proposta per chiusura dell'esercizio perché è prevista solo per violazioni reiterate. Sicuramente però - ovviamente senza preavviso - torneranno a controllare che il titolare abbia applicato correttamente le norme.

 

I militari del Nas hanno ovviamente anche controllato la cucina ove hanno trovato della panna scaduta per chi il titolare è stato formalmente diffidato. Inoltre hanno contestato la violazione delle norme per l'Haccp (autocontrollo sulle criticità della filiera alimentare), violazione punita con la punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 1.000 a euro 6.000.

 

Negli ultimi tre giorni i carabinieri della provincia di Bolzano hanno - su tutto il territorio provinciale - controllato mediamente ogni giorno 170 esercizi commerciali circa e 590 persone circa. Sono state contestate solamente quattro violazioni alle norme Covid. Il basso numero di sanzioni, atteso che i militari non fanno sconti, è comunque sintomo del rispetto delle norme da parte della cittadinanza. È anche vero però che statisticamente nel periodo infrasettimanale il numero delle violazioni è inferiore perché c'è meno gente in giro la sera e quindi il numero di QR-code scansionati è inferiore.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Novembre 2021, 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA