Scontro tra due treni, oltre 50 tra feriti e contusi: «Uno dei convogli è passato col rosso»

Scontro tra due treni, oltre 50 tra feriti e contusi: «Uno dei convogli è passato col rosso»

Paura per uno scontro tra due treni a Inverigo, in provincia di Como. I feriti da un primo bilancio sarebbero oltre 50. È accaduto alle 18.39. A provocare l'incidente è stata la partenza con il rosso di uno dei convogli. È la stessa Trenord a ricostruire l'accaduto. Il treno 1665, partito da Milano Cadorna alle 17.38 e diretto ad Asso 18.59, riprendendo la corsa da Inverigo verso Canzo-Asso ha lasciato la stazione con semaforo rosso. Il macchinista ha immediatamente frenato, senza poter evitare il contatto con il treno 1670 (Asso 18.03-Milano Cadorna 19.22) che procedeva a bassa velocità nella direzione opposta, da Erba verso Milano. «Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe possa essersi trattato di un errore umano, ma ciò che è certo è che in quel tratto della linea ferroviaria, gestita da FerrovieNord, non era operativo il sistema di sicurezza SCMT, una tecnologia che avrebbe impedito lo scontro tra i due mezzi». Lo si legge nella nota del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sull'incidente avvenuto nel tardo pomeriggio nella stazione di Inverigo, in provincia di Como.



A intervenire sul posto, oltre alle ambulanze e alle automediche, gli elisoccorsi di Milano e Como. Il bilancio vede al momento 6 codici gialli già inviati in Ospedale a Cantù, Erba, S. Anna, Lecco e circa 50 codici verdi in corso di valutazione. La circolazione ferroviaria su linea Milano-Asso tra Arosio e Merone. In servizio vi sono autobus sostitutivi tra Arosio e Merone.
 

«Sto costantemente monitorando l'evolversi dei fatti di Inverigo tenendo informato il presidente Attilio Fontana. Il primo pensiero è per le persone rimaste ferite nell'incidente ferroviario: per fortuna non ci risultano feriti gravi. A loro va tutta la nostra vicinanza». Lo ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi.

«Abbiamo immediatamente chiesto ai responsabili del servizio - ha aggiunto - di fornire tempestivamente una relazione puntuale su quanto accaduto stasera. Ci riserviamo di fare le valutazioni del caso non appena avremo tutti gli elementi a disposizione. Secondo le prime informazioni, però, lo scontro sarebbe stato causato dall'errore umano di un macchinista partito con il rosso».

«Un grande ringraziamento ai soccorritori, alle Forze dell'ordine e alla Protezione civile per la consueta tempestività ed efficienza. Ci aspettiamo - ha concluso Terzi - che si intervenga per limitare al massimo i disagi per gli utenti in attesa della riattivazione della linea».
Giovedì 28 Marzo 2019, 21:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA