Il valzer dei colori: dal Piemonte alla Sicilia, da oggi un italiano su cinque in zona arancione
di Greta Posca

Il valzer dei colori: dal Piemonte alla Sicilia, da oggi un italiano su cinque in zona arancione

Ipotesi del governo: il Green pass di chi ha il booster valido più a lungo

Scendono i contagi quotidiani e il tasso di positività, diminuiscono le vittime giornaliere ma il destino di cinque regioni è segnato: da oggi passano in fascia arancione. Una retrocessione che comporta un'ulteriore stretta, soprattutto per i non vaccinati, e avvicina lo spettro della zona rossa, se il governo non cambierà in extremis le regole dei colori, come chiedono i governatori. Domani la questione sarà nuovamente affrontata dalla Conferenza delle Regioni.


IN ARANCIONE. Da oggi saliranno a cinque le regioni in arancione: alla Valle d'Aosta si aggiungono Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia, per un totale di 11,7 milioni di persone, il 20% degli italiani. Per i vaccinati cambierà poco, mentre i divieti sono consistenti per i no vax.


IL BOLLETTINO. Dall'inizio della pandemia i contagiati in Italia sono vicini a quota 10 milioni, mentre sono 2,7 milioni quelli attualmente positivi. Nelle ultime 24 ore i morti (227) sono in calo rispetto ai giorni precedenti. I nuovi casi sono 138.860, con un tasso di positività che scende a 14,9%. Si registra però un lieve incremento (+9) dei ricoverati in terapia intensiva.


I VACCINI. È stato superato il traguardo del milione di dosi a bambini tra i 5 e gli 11 anni, pari al 28% della popolazione di questa fascia d'età.


GREEN PASS ALLUNGATO. Il Governo ragiona su una proroga oltre i sei mesi della scadenza del green pass per chi ha fatto la terza dose. Questo perché dall'1 febbraio la durata del certificato verde diminuirà da 9 a 6 mesi, e calcolando che la somministrazione del booster è partita a metà settembre, a metà marzo ci saranno i primi italiani col pass scaduto nonostante abbiano fatto tre dosi. La problematica è ben presente ai ministri interessati che stanno «valutando soluzioni». Al momento la metà della popolazione del Paese (30 milioni di persone) ha fatto il booster. C'è ancora qualche settimana di tempo per una decisione: una delle ipotesi sul tavolo è quella di eliminare la scadenza per i trivaccinati.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Gennaio 2022, 10:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA