Cogne, la villetta dell'omicidio pignorata finisce all'asta: il prezzo base è 800mila euro

Cogne, la villetta dell'omicidio pignorata finisce all'asta: il prezzo base è 800mila euro

Ormai è certo: Annamaria Franzoni ha perso la sua casa. Alla donna condannata per l'omicidio del figlio Samuele avvenuto a Montroz, a Cogne, nel gennaio 2002, omicidio per cui ha scontato 16 anni di carcere, è stata pignorata la casa per debiti con il suo ex avvocato, Carlo Taormina, a cui deve oltre 275mila euro per il mancato pagamento degli onorari difensivi. Nell'atto di pignoramento quei 275mila euro sono diventati circa 450mila:

 

 

 

Il tribunale di Aosta ha perciò disposto la vendita della villetta - per la quale a settembre scorso aveva respinto le richieste della Franzoni e del marito Stefano Lorenzi di sospensione dell'esecuzione immobiliare - con una base d'asta di circa 800mila euro. La data per il tentativo di vendita non è stata ancora fissata. Il contenzioso con Taormina nasce da una sentenza civile passata in giudicato a Bologna.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 5 Febbraio 2021, 09:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA