Cogne, Franzoni libera: «Sono innocente, vorrei farlo capire»

Video
di

«Da un lato sono contenta, dall'altro vorrei trovare la maniera di far capire alla gente che non sono stata io». Così Annamaria Franzoni avrebbe reagito, parlando con persone a lei vicine del caso che la riguarda, anche dopo la notifica della fine della pena. La donna ha sempre detto di essere innocente per l'omicidio del figlio Samuele e continua a dirlo, parlando con le persone che la circondano nella vita quotidiana. 
 

 


Annamaria Franzoni libera con tre mesi d'anticipo. Fu condannata a 16 anni per l'omicidio del figlio

Fu condannata nel 2008 a 16 anni per l'omicidio del figlio Samuele di tre anni, a Cogne il 30 gennaio 2002. Da qualche settimana, come riferisce l'Ansa, Annamaria Franzoni è una donna libera. Il Tribunale di sorveglianza di Bologna ha stabilito che la sua pena è espiata, con tre mesi di anticipo rispetto alle previsioni, potendo usufruire di molti giorni di liberazione anticipata per la buona condotta. Da giugno 2014 era in detenzione domiciliare a Ripoli Santa Cristina, sull'Appennino bolognese. «La notizia ci lascia assolutamente indifferenti, è l'ultimo dei nostri pensieri». Questo il commento di Franco Allera, sindaco di Cogne.

«L'appello che ho sempre rivolto da quando è iniziata l'esecuzione della pena e che rivolgo anche oggi è di dimenticarla». Così l'avvocatessa Paola Savio, difensore di Annamaria Franzoni. «Mi rendo conto - prosegue - che in vicende giudiziarie così spettacolarizzate nel corso degli anni è difficile, ma occorre pensare che ci sono familiari che hanno sofferto con lei». Solo gli ergastoli, ha detto ancora, «non finiscono mai, le altre pene finiscono e anche per lei è finita».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 8 Febbraio 2019, 00:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA