Chi è Ursino, il dirigente di FN pestato: "Rapinò e picchiò due bengalesi". E quella bambola insanguinata

Chi è Ursino, il dirigente di FN pestato: "Rapinò e picchiò due bengalesi". E quella bambola insanguinata

Ieri sera è stato vittima di un'aggressione da parte di alcune persone con il volto coperto, che lo hanno accerchiato, legato mani e piedi con del nastro adesivo e pestato a sangue nella centralissima via Dante, a Palermo. Ma chi è Ursino, il quarantenne leader palermitano di Forza Nuova, professione tatuatore?

LEGGI ANCHE ---> L'aggressione choc: legato mani e piedi e pestato a sangue

Ursino è il titolare di uno studio di tatuaggi in via Marconi, a pochi passi dal luogo in cui è avvenuta l'aggressione. Qualche giorno fa in un post su Facebook Ursino scriveva: "la mia gente non ha paura di nulla, nemmeno delle parole", accompagnando la frase alla foto di una ronda che lo ha visto protagonista su un autobus di Palermo. 

LEGGI ANCHE ---> In cinque in questura. Gli attivisti accusano anche il sindaco Orlando

Nelle cronache, il nome di Ursino era già apparso nel 2006, quando venne arrestato dalla Digos assieme ad altri due militanti di Forza Nuova per aver rapinato e preso a pugni due ambulanti del Bangladesh. I tre avevano rubato una borsa e di un sacchetto di plastica contenente articoli di bigiotteria che i due vendevano. La reazione degli immigrati era bastata a scatenare la reazione dei tre, che li avevano colpiti con calci e pugni.

Due anni più tardi, Ursino fu denunciato assieme a un altro esponente di Forza Nuova per aver inviato un pacco contenente una bambola insanguinata alla sede palermitana dell'Adnkronos e ad altri media. Interrogati dai carabinieri, i due si erano giustificati affermando di aver mandato i pacchi come "gesto dimostrativo contro l'aborto".
Mercoledì 21 Febbraio 2018, 12:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA