Chef Rubio, il fratello del poliziotto ucciso gli chiede scusa: «Sfogo fuori luogo, ora lasciateci al nostro dolore»

Video

Un post per chiedere scusa e chiudere ogni polemica: Gianluca Demenego, il fratello di Matteo, uno dei due poliziotti uccisi venerdì a Trieste, ha deciso di fare un passo indietro dopo il controverso post in risposta a Chef Rubio.

Leggi anche > Chef Rubio, la minaccia del fratello del poliziotto ucciso: «Tieni la guardia alta o fai la fine di Matteo»

Leggi anche > Chef Rubio rilancia la polemica contro il fratello del poliziotto ucciso: «Mi ha minacciato di morte»​



Chef Rubio, sui social, aveva scritto un post molto controverso. «Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedon nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra», aveva scritto Gabriele Rubini. Immediatamente erano scaturite tante polemiche, con Chef Rubio che aveva provato a precisare che non fosse una polemica contro gli agenti, ma che aveva scatenato la rabbia del fratello di Matteo Domenego.

Leggi anche > Il video degli agenti uccisi mentre lavoravano nella Volante

Il giovane aveva infatti scritto, in risposta a Chef Rubio: «Tieni sempre la guardia alta quando giri perché se colgo impreparato pure te fai la fine di mio fratello! Uomo di merda! Ti auguro di perdere un tuo caro! A presto!». Alla fine, però, Gianluca ha deciso di chiedere scusa e chiudersi nel dolore immenso e insopportabile che ora sta vivendo la sua famiglia.
«Innanzi tutto vorrei scusarmi per i toni e le parole usate contro Chef Rubio, parole dettate dalla rabbia e dal dolore per il post fuori luogo e infelice, pubblicato dallo stesso sulla morte di mio fratello e del suo collega» - ha scritto sui social Gianluca Demenego - «Per me la vicenda può ritenersi conclusa qui. Lasciateci al nostro dolore. Grazie!».


Ultimo aggiornamento: Domenica 6 Ottobre 2019, 19:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA