Chef Rubio attacca gli abitanti di Lampedusa: «Fate i soldi con i migranti»

Chef Rubio attacca gli abitanti di Lampedusa: «Fate i soldi con i migranti»

Chef Rubio attacca gli abitanti di Lampedusa in diversi post su Instagram. Il noto chef è stato protagonista di un viaggio in favore delle Ong che ha documentato sui social nell'isola, spesso associata agli sbarchi dei migranti e all'accoglienza. Ma nel percorso Rubio critica gli abitanti, non tutti, ma alcuni, accusandoli di aver cavalcato la visibilità dovuta ai flussi migratori per fare business. 

Napoli, donna incinta e con le doglie sale sul bus per andare all'ospedale senza biglietto: il controllore la fa scendere



«Lampedusa è un’Italia in miniatura, affascinante proprio grazie alle sue molteplici sfaccettature e contraddizioni. Invito tutti a venire, è stupenda davvero. Vi chiedo però un favore: spendete i vostri soldi solo nei ristoranti della brava gente, nei b&b delle belle anime, nelle barche dei pescatori onesti e nei bar di chi c’ha ‘r core grosso. A tutto il resto riservategli indifferenza, perché quella si meritano: in molti hanno speculato su date, morti e naufragi, in molti si riempiranno la bocca di aiuti e fratellanza mai vissuti in prima persona, e proprio quelli hanno cavalcato e stanno cavalcando il mito dell’isola dell’accoglienza vomitando odio e ignoranza», scrive Rubio che si è detto indignato.

Lo chef accende la polemica dopo le giornate a bordo di Open Arms, dopo la conferenza stampa con Gere e dopo la 5a notte del sit in silenzioso davanti alla Chiesa a chiedere lo sbarco dei migranti. Secondo Rubio pare ci sia poca collaborazione da parte dei cittadini e nei diversi post ne spiega le dinamiche e le problematiche smentendo l'idea di un'isola dell'accoglienza, perché, come sottolinea a parte i ragazzi di Mediterranen Hope, il progetto delle Chiese Evangeliche, gli attivisti di Forum Lampedusa solidale e qualche turista curioso, sul sagrato della Chiesa, i lampedusani si contano sulle dita di una mano. Nello specifico per Rubio, i lampedusani non sarebbero responsabili solo di far cassa e girarsi dall’altra parte quando serve, ma di «rinchiudere i migranti in uno hot spot lager per sadismo, per ricordargli lo status di sgraditi ospiti li costringete a uscire ed entrare da buchi ricavati dalle reti».

Rubio mostra i diversi aspetti di Lampedusa: la difficoltà di gestire i migranti, le condizioni in cui sono costretti a stare, il fatto che siano quasi confinati per non mostrare ai turisti cosa accade e che allo stesso tempo proprio i migranti sono diventati il motivo per cui l'isola è stata sempre più conosciuta e visitata. Ci sono problematiche legate alla salute, ai radar posti sull'isola, all'assenza di medici, alla difficile gestione dell'immondizia e di servizi che in molte altre regioni sono comuni. Rubio probabilmente voleva mostrare un aspetto poco noto di quest'isola e tra polemiche e consensi, forse, in parte c'è riuscito e conclude: « non tornerò con Tv al seguito come in molti mi han chiesto, ma lo faccio solo per evitarvi patetiche e ipocrite stese di tappeti rossi su cui i parassiti sperano di salire. Tornerò così come son venuto, da persona comune tra le persone perbene. A presto ».
Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Agosto 2019, 15:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA