Cesare Battisti, la gioia di Torregiani. Il figlio del gioielliere ucciso nel '79: «Mi sento svuotato»

Cesare Battisti, la gioia di Torregiani. Il figlio del gioielliere ucciso nel '79: «Mi sento svuotato»

Per Alberto Torregiani, figlio del gioielliere ucciso nel 1979 dai Pac in una sparatoria in cui lui stesso rimase ferito e perse l'uso delle gambe, è finalmente arrivato il momento di mettere un punto. «È fatta. Credo sia la volta buona», commenta l'arresto in Bolivia di Cesare Battisti. «Forse davvero è una buona giornata», ha detto parlando con l'Ansa. «Non oso pensare che ora possa trovare un escamotage. Sarebbe da scriverci un libro».

Cesare Battisti arrestato, i parenti delle vittime: «Una persona squallida, ora deve scontare la pena»
Cesare Battisti catturato in Bolivia, Salvini: «La pacchia è finita. Grazie a Bolsonaro e forze dell'ordine»



È «impossibile che non venga estradato in Italia» Cesare Battisti, il terrorista condannato fra l'altro per l'organizzazione dell'omicidio di Pierluigi Torregiani. Ne è convinto il figlio Alberto che da anni chiede il suo ritorno in Italia per scontare la pena. Per questo in passato Torregiani è anche andato in Brasile. «Tecnicamente è un fuggiasco, non coperto da nessuno status particolare. È un latitante - ha aggiunto - e non ha più benefici. Quindi credo che nell'arco di 48 ore, una settimana al massimo sarà in carcere in Italia. Non penso i brasiliani abbiano tanta voglia di tenerselo».

Ceasre Battisti, così è stato arrestato: il blitz in strada, ora l'estradizione

«Sono talmente esausto di questa storia che adesso sono svuotato»: spiega di dover metabolizzare la notizia Alberto Torregiani. «Doveva succedere anni fa» aggiunge al telefono con l'Ansa. Per Alberto è stata lunga la battaglia per far tornare in carcere Battisti. Sono stati anni di speranze, delusioni e impegno in prima persona. «Sono fiero - sottolinea - del lavoro fatto in famiglia, della determinazione, senza pretese ma con rispetto, con cui abbiamo chiesto giustizia. Urlare, in altre situazioni, è sembrata l'unica cosa giusta ma noi non lo abbiamo mai fatto».

 
 


«Più tardi proverò sollievo e felicità - conclude dopo una notte insonne, quasi si sentisse cosa stava succedendo -. Adesso prendo almeno quattro caffè e mi metto a lavorare». Alberto infatti si sta occupando di FaPi, Fare Ambiente Piano Invalidi, realtà che si impegna per l'abbattimento delle barriere architettoniche.
Ultimo aggiornamento: Domenica 13 Gennaio 2019, 09:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA