Caso Grillo, uno degli amici si dissocia: «Io dormivo, non compaio in nessun video o foto»

Caso Grillo, uno degli amici si dissocia: «Io dormivo, non compaio in nessun video o foto»

Continuano le indagini sullo stupro di gruppo in cui sarebbe coinvolto Ciro Grillo, il figlio di Beppe Grillo. Francesco Corsiglia, genovese, 22 anni, amico di Ciro si sarebbe dissociato da ogni fatto, dicendo di aver avuto un rapporto consenziente con la ragazza e di essersi poi messo a dormire.

 

Leggi anche > Avellino, le chat dei fidanzati-killer prima del delitto: «Quando li uccidiamo? Lo faccio perché li odi»

 

Il ragazzo è stato acoltato due settimane fa in procura a Tempio Pausania ed ha raccontato la sua verità: «Ho avuto un rapporto consenziente con S.J., eravamo solo io e lei, poi mi sono addormentato. Di ciò che è successo dopo io non so niente», ha dichiarato come riportato da alcuni giornali. Il ragazzo nega quindi lo stupro di gruppo e spiega proprio di non aver partecipato a buona parte della serata proprio perché a letto. Corsiglia ha fatto notare di essere l'unico a non comparire nelle foto e nei video, proprio perchè non era con gli altri ragazzi e prende ogni distanza dalle accuse. 

 

Corsiglia non compare neppure nelle immagini che hanno portato a un secondo capo d’imputazione di violenza sessuale, nei confronti di R.M.. L'amica della giovane stuprata, che si era addormentata sul divano ubriaca è stata fotografata mentre era incapace di reagire mentre i ragazzi le avvicinavano i genitali.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Aprile 2021, 11:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA