Torna dal weekend trova casa Ater occupata.  «Dentro c'erano scarafaggi e cani morti»

Torna dal weekend trova casa Ater occupata. «Dentro c'erano scarafaggi e cani morti»

Topi, scarafaggi e carcasse di animali tra le coperte: è quanto sostiene di aver trovato, nell’appartamento popolare dell’Ater di via Lipparini a Roma, la famiglia che ha occupato la dimora rivendicata da Paola Barzotti. Un video, fornito in esclusiva al programma Storie Italiane condotto da Eleonora Daniele su Rai1, mostra lo stato di degrado e totale abbandono dell’abitazione.

Roma, tragedia in caserma: carabiniere di 36 anni muore d'infarto


Secondo la mamma dell’occupante “quando sono andata su a vedere la situazione sinceramente ho pensato ‘mia figlia ci rinuncia’: io ho 81 anni e uno schifo del genere non l’ho mai visto, nemmeno nelle stalle dove stanno i maiali e le bestie. Mai vista una cosa del genere. Mia figlia quando è entrata lì ha subito chiamato i vigili per fargli vedere la situazione, era una cosa pietosa come hanno visto pure i vigili”.

Impiegata presso il municipio, con tre figli a carico, la Barzotti aveva denunciato mediaticamente di aver trovato, al suo rientro dopo alcuni giorni di assenza, la propria abitazione occupata. Tuttavia secondo una vicina: “fino a due anni fa qualche volta si vedeva. Poi non si è vista più. Veniva qui, aveva i cani. Lei prendeva questi cani, gli faceva fare i figli e li vendeva a trecento euro, dice perché ci doveva andare in gita, doveva partire, lei con i figli. Non ho mai visto una casa zozza come questa”. La vicina aggiunge che al momento dell'occupazione "la casa era aperta, uscivano tutti questi bacarozzi per le scale, c’erano topi, cani morti in mezzo alle coperte. Se erano due giorni che mancava, una casa così non c’era: perché la luce ce l’avevi, il gas ce l’avevi, e l’acqua ce l’avevi. Se non hai questi tre articoli, da quant’è che manchi dentro casa?”.

L’Ater, in una nota, inviata al programma, tra le altre cose ha chiarito che la signora Barzotti “dal 2012 accumula 48.000 euro di debito” e che “è un'inquilina morosa, che aveva sottoscritto un piano di rientro per indennità pregresse riferite all’occupazione abusiva sanata, non avendo corrisposto alcunché”. Infine Ater rende noto che è stato “già avviato l’iter per il recupero forzoso dell’immobile”. 
Lunedì 8 Ottobre 2018, 14:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA