Carabiniere ucciso, il post della polizia americana per Mario Cerciello Rega: «Era appena tornato dal viaggio di nozze»

video

Il vicebrigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega è morto mentre era in servizio per mano di due americani e la polizia della California ha scelto di rendergli omaggio con un post su Facebook. Un gesto che ha contagiato le forze dell'ordine di molti Paesi e a cui l'Arma italiana ha risposto con un messaggio. «Cari colleghi, grazie tanto per aver reso onore a Mario con il vostro tributo. Lo abbiamo apprezzato», si legge in un post sui social.

Carabiniere ucciso, Elder: «Avevo paura di essere strangolato»

Mario Cerciello Rega, Ivan Scalfarotto del Pd in carcere dagli americani indagati: «Era mio dovere»

Questo, invece, il messaggio di cordoglio della polizia degli Stati Uniti: «L'altra settimana il vice brigadiere Mario Cerciello Rega è stato ucciso da due teenager americani. Era appena tornato dal viaggio di nozze. Le nostre più profonde condoglianze vanno alla famiglia, agli amici e ai nostri colleghi in Italia». Nel post anche la foto del carabiniere 35enne ucciso a coltellate.

Il vicebrigadiere dell'Arma dei Carabinieri è morto nella notte tra il 25 e il 26 luglio dopo essere stato colpito da undici coltellate, come ha rivelato l'autopsia. Per la sua morte sono stati arrestati due ragazzi americani che quella notte erano in cerca di droga, ​Finnegan Lee Elder (che aveva il coltello) e Christian Gabriel Natale Hjorth.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Agosto 2019, 10:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA