Catania, cantante denunciata perché percepiva il reddito di cittadinanza senza averne il diritto: con i soldi ha inciso un disco

Cantante denunciata perché percepiva il reddito di cittadinanza senza averne il diritto: con i soldi ha inciso un disco

Una cantante neomelodica di Catania è stata denunciata insieme ai suoi genitori per aver percepito il reddito di cittadinanza senza averne il diritto. Agata Arena, questo il nome della donna, avrebbe inoltre inciso un disco con i soldi ricevuti. 

Leggi anche > Lavorava in nero e riceveva il reddito di cittadinanza. Reclutato attraverso i social

L'artista neomelodica, non accontentandosi di un assegno ricevuto indebitamente, avrebbe così prodotto grazie ai soldi percepiti ogni mese un cd con quattro brani già pubblicati. 
 
La vicenda è stata portata alla luce dai poliziotti del commissariato di Librino (quartiere di Catania in cui abita proprio la “star” neomelodica) che hanno fatto irruzione in un minimarket abusivo all'interno di uno stabile di viale San Teodoro, di propretà del Comune. 

All'interno dello stabile ecco spuntare, sulle pareti del negozio, i cartelloni pubblicitari del primo album della cantante, in uscita ad inizio novembre. La donna, ascoltata dagli agenti, ha dichiarato di essere un'artista e di aver speso circa tremila euro per incidere il disco con un'importante casa discografica. Il progetto finale, a detta della stessa Arena, prevederebbe un totale di otto brani e, dopo i primi quattro già pubblicati, starebbe attualmente lavorando ad un inedito in uscita. 

La polizia ha inoltre appurato che Agata Arena lavorava nel negozio insieme ai suoi genitori. Tutti e tre, avendo dichiarato all'Inps di essere completamente disoccupati, sono stati denunciati per truffa aggravata e finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche. 




 

 
 
Sabato 12 Ottobre 2019, 17:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA