Campania, De Luca vieta tutte le feste al chiuso: «Contagi crescono in modo abnorme»

Campania, De Luca vieta tutte le feste al chiuso: «Contagi crescono in modo abnorme»

Niente feste al chiuso, a Natale sì a pranzi e cene ma con regole precise. A pochi giorni dall'inizio delle feste natalizie arriva il giro di vite di Vincenzo De Luca, che con un'ordinanza vieta in Campania feste scolastiche, di laurea e compleanno in locali al chiuso. L'ordinanza sarà pubblicata in giornata ed è mirata ad un ulteriore contrasto al Covid.

Bassetti: «Lockdown di 15 giorni per i no-vax». Quarta ondata, la circolare del Ministero

L'ordinanza consente «il solo svolgimento di pranzi e/o cene, nel rispetto dei protocolli vigenti» e anche «di altri eventi esclusivamente in forma statica, con posti seduti e preassegnati e con obbligo di indossare la mascherina per tutta la durata dell'evento». Vietati invece «feste ed eventi consimili in sale da ballo, discoteche e locali assimilati». Lo stesso De Luca sollecita controlli «seri» - mentre finora essi sono stati, sottolinea, «inadeguati» - sull'uso della mascherine.

De Luca: crescita abnorme dei contagi

«In relazione alla crescita abnorme di contagi registrati nelle ultime tre settimane e segnalata dalle autorità sanitarie, con particolare incremento relativo alle fasce di età giovanili, si sono rese indispensabili misure di contenimento e di divieto di feste al chiuso - che continuano irresponsabilmente - con particolare riferimento a feste scolastiche, feste di laurea, di compleanno e simili», le parole dello stesso De Luca. «Si ricorda inoltre che in Campania l'uso delle mascherine anche all'aperto, - che viene introdotto in altre regioni - è rimasto obbligatorio per tutto l'anno, anche nei mesi estivi. Si sollecita un controllo, anche con sanzioni - che per ora è rimasto assolutamente inadeguato - da parte delle forze dell'ordine e delle polizie municipali».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Dicembre 2021, 20:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA