Caldo record in Italia: battute le temperature dell'estate 2003. Pericolo temporali di calore al nord

Caldo record in Italia: battute le temperature dell'estate 2003. Pericolo temporali di calore al nord

L'Italia si appresta a vivere un weekend di fuoco. Il caldo record di questo fine settimana porterà a spazzare via il record dell'estate 2003, ricordata da tutti come una delle più calde di sempre. Con il solstizio d'estate, infatti, è iniziata la prima vera ondata di caldo africano sull'Italia e l'ondata di calore potrebbe terminare solo tra una settimana. 

 

Caldo killer: Antonio muore a 35 anni mentre distribuisce volantini in strada

 

Le temperature che verranno raggiunte nei prossimi giorni in molte città batteranno i record dell'estate del 2003. La presenza dell'anticiclone sub-tropicale si farà via via più forte e potente con un conseguente aumento delle temperature. I valori massimi su gran parte delle città del Sud e su alcune del Centro, rispetto allo stesso periodo di giugno 2003, saranno superiori di addirittura 8-11°C.

 

Per fare qualche esempio Foggia raggiungerà 44°C, Catanzaro 41°C, Siracusa addirittura 45°C, Fermo e Ascoli Piceno potranno raggiungere picchi di 40°C, 37-38°C a Perugia e a Campobasso. Gran caldo anche sul resto d'Italia, in Toscana (37-38°C a Firenze), a Roma (35°C), Bologna e Ferrara (36°C), oltre i 34°C su tante città del Veneto, dell'Abruzzo, della Sardegna e sulla Lombardia orientale.

 

Questa ondata di calore africano, che potrebbe attenuarsi solamente nel prossimo weekend, però presenterà il rovescio della medaglia che porta con sé forti temporali e grandine.

L'Italia si appresta a vivere un weekend infuocato e, nelle prossime ore, almeno 4 regioni saranno ad alto rischio di forti temporali con grandine grossa.

Dando uno sguardo su scala generale, troviamo un vasto anticiclone di matrice africana che con il suo carico di caldo porta bel tempo in gran parte del nostro Paese. L'effetto più evidente è il grande calore che stiamo sentendo con valori termici ben oltrre le medie stagionali. 

 

Attenzione però, in quanto è proprio il grande caldo potrebbe causare grandi disagi dal punto di vista metereologico.
Come spesso capita nei mesi estivi e soprattutto nelle giornate molto roventi come queste, la forte calura funge da energia per lo sviluppo dei ben conosciuti temporali di calore, i quali, come ci suggerisce il loro nome, prediligono proprio le ore più calde per il loro sviluppo. 

 

Ecco il quadro metereologico delle prossime ore e quali saranno le zone maggiormente a rischio temporali

Sotto stretta osservazione troveremo i rilievi del nord, ma principalmente il comparto alpino più orientale. Saranno ben 4 le regioni ad essere interessate da tali fenomeni e per la precisione i rilievi di Lombardia, Trentino alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Prestare molta attenzione in quanto questo genere di temporali, oltre ad essere spesso improvvisi, possono risultare di forte intensità accompagnati dunque da forti raffiche di vento e locali grandinate.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Giugno 2021, 16:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA