Caldo, in arrivo l'ondata più potente dell'estate: fino a 42° al Nord, weekend nella morsa africana

Caldo, in arrivo l'ondata più potente dell'estate: fino a 42° al Nord, weekend nella morsa africana

Il peggio deve ancora venire. Anche se il caldo estremo, causato dal cambiamento climatico, sta colpendo l’Italia da maggio, le temperature aumenteranno gradualmente già da oggi e resteranno di circa 10°C sopra la media stagionale, almeno per i prossimi 10 giorni. Si attende, quindi, l’arrivo dell’ondata di calore più potente dell’estate. Nella nostra Penisola come nel resto d’Europa.

Il caldo torrido arriva fino al Regno Unito. L'allarme choc: «Ucciderà centinaia di persone»

Caldo, nuova ondata in arrivo. La previsione su agosto: «Temperature sopra la media di altri 3 gradi»

Il caldo in Italia

Dopo il lieve calo dei giorni scorsi, provocato dall’anticiclone delle Azzorre, le temperature saliranno nuovamente già nelle prossime ore, per il ritorno dell’anticiclone africano. Se il Centro e il Sud sono abituati alle temperature più alte, l’ondata di calore colpirà soprattutto il Nord e la Pianura padana. In Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana e Umbria, già da venerdì sono attese temperature intorno ai 38-39°C. Il peggio è previsto per martedì 19 luglio: al Nord si attendono temperature fino a 42°C. Ben 10 in più rispetto alla media stagionale. E per tutto il periodo, almeno fino all’inizio del weekend del 23 e 24 luglio, non mancheranno le notti tropicali, con temperature mai sotto i 20°C.

Il caldo in Europa

Nel resto del continente non va meglio. Il fenomeno della subsidenza, con l’aria calda che cade dall’alto e va a comprimere quella al suolo, aumenterà la temperatura. Un effetto simile a quello di un coperchio posto su una pentola. Il caldo più estremo si è registrato nella Penisola iberica, con picchi fino a 43-44°C, ma nei prossimi giorni, in Andalusia, le temperature potranno raggiungere anche i 48°C. Caldo anomalo anche in Normandia, nel Nord della Francia, dove il termometro ha già segnato 35°C. E a Londra, dove si sono registrati i 32°C, è stato convocato il Comitato Cobra per le emergenze. In genere si occupa della sicurezza nazionale, questa volta sta dando disposizioni per fronteggiare un clima mediterraneo in Gran Bretagna: scuole chiuse e spegnimento delle centrali nucleari. In fondo, Oltremanica basta superare i 25°C per dichiarare ufficialmente un’ondata di calore.

Allarme incendi

Per effetto del caldo e della siccità, aumenta anche il rischio di incendi. L’Italia, quest’estate, ha già avuto un’esperienza drammatica. Il pericolo è però ora accertato anche dalle elaborazioni di Coldiretti: gli incendi sono già aumentati del +153% rispetto alla media storica. I danni all’ambiente, alle produzioni agricole e alla biodiversità rischiano di essere incalcolabili. E i terreni, sempre più aridi, rischiano di essere l’innesco perfetto per nuovi roghi in tutta la Penisola.
Caldo e siccità insieme alla mano dell'uomo spingono gli incendi che nel 2022 in Italia sono già aumentati del +153% rispetto alla media storica, con danni incalcolabili su ambiente, produzioni agricole e biodiversità. È quanto emerge dalle elaborazioni Coldiretti su dati Effis, in riferimento ai roghi che a macchia di leopardo hanno sconvolto tutta la Penisola. Nelle campagne e nei boschi le alte temperature e l'assenza di precipitazioni hanno inaridito i terreni, sottolinea Coldiretti, con aree sempre più esposte al divampare delle fiamme anche in vista della nuova ondata di calore prevista per la metà del mese. Una situazione drammatica in un 2022 che si è già classificato fino ad ora come l'anno più caldo di sempre con una temperatura superiore di 0,76 gradi rispetto alla media storica.

 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Luglio 2022, 07:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA