Dal cane eroe alle foto false, tutte le bufale sul crollo di Ponte Morandi a Genova

Dal cane eroe alle foto false, tutte le bufale sul crollo di Ponte Morandi a Genova

  • 2,5 mila
    share
Non si sono ancora concluse le ricerche di tutti i dispersi, ma è già partita la caccia al responsabile per il disastro di Ponte Morandi, crollato ieri mattina a Genova. Il bilancio, ancora momentaneo, è di 39 vittime, ma c'è già chi ha deciso di utilizzare foto false per ottenere un certo riscontro sui social, generando a fasi alterne indignazione e condivisioni compulsive. Poche ore dopo la strage, infatti, diversi utenti, sul web, avevano iniziato a pubblicare foto attribuite al ponte crollato, ma che con Genova non hanno nulla a che vedere.

Genova, 39 morti sotto al ponte crollato. «Non è stata una fatalità, ma un errore umano»



Vere e proprie bufale, quindi, smascherate prontamente da un esperto del settore come David Puente. Ad ogni modo, per constatare che non si tratta di scatti relativi a Ponte Morandi, basta una ricerca fotografica su Google. Molti utenti, su Twitter, hanno iniziato a pubblicare foto di ponti a rischio crollo, sostenendo che si trattasse del ponte di Genova. In realtà, come dimostrato anche dal blogger e nemico dei 'bufalari', si tratta di altri ponti situati in altre zone d'Italia, come quello di Ripafratta, in provincia di Pisa, oppure, senza spostarsi di molto dal capoluogo ligure, il pilone collocato su una zona franata nel 2014, sull'A26 tra Genova e Gravellona Toce. Ad ogni modo, anche se la situazione sembra essere critica in ogni zona d'Italia, quelle foto non sono di Ponte Morandi, come invece hanno creduto gli utenti più creduloni, pronti a dare per vero tutto quello che leggono sui social.

C'è poi un'altra foto, pubblicata sui social da Casapound, che ritrae effettivamente una porzione di Ponte Morandi e che, secondo la didascalia del tweet, risalirebbe a una settimana fa. Lo stesso account Twitter del partito di estrema destra, però, corregge il tiro poco dopo: «Fonte: attivonews che rimanda ad HuffPost Italia ma non troviamo l'autore della foto». Ad ogni modo, la porzione di ponte fotografata è rimasta in piedi, perché a crollare è stato un altro tratto, leggermente più distante. In questo caso, David Puente ha utilizzato il materiale raccolto da Google Street View nel corso degli anni per documentare i lavori di manutenzione eseguiti col tempo. La foto pubblicata da Casapound è inquietante e mostra gravi segni di usura, anche se dovrebbe essere precedente sia al 2017 che al 2011, anni in cui la Google Car aveva raffigurato una situazione ben diversa, con i lavori di ristrutturazione già eseguiti. C'è chi sostiene che quella foto risalga al 2006, ma non ci sono riscontri certi, come sottolinea il 'debunker'.

Oltre ai post che mirano a provocare una facile, e in parte comprensibile, indignazione, ci sono poi le bufale 'animaliste'. David Puente ha smentito anche quanto pubblicato da Rinaldo Sidoli, esponente dei Verdi, che aveva pubblicato la foto di un cane, secondo lui impegnato nei soccorsi di queste ore a Genova. Peccato che anche in questo caso, con una piccola ricerca fotografica, è stato semplice risalire all'origine della foto: risale addirittura al 2001 e quel cane faceva parte dei soccorsi in seguito al crollo delle Twin Towers per l'attentato dell'11 settembre, a Manhattan.
 


 

 


 

Mercoledì 15 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME