Brunico, uccide l'amico a coltellate dopo una lite: arrestato 21enne polacco. Sul delitto l'ombra del satanismo

Brunico, uccide l'amico a coltellate dopo una lite: arrestato 21enne polacco. Sul delitto l'ombra del satanismo

Choc a Brunico. Oskar Kozlowski è stato arrestato per l'omicidio di Maximum Zanella e l'ombra del satanismo si fa sempre più nitida dietro al movente dell'omicidio. Il 21 enne polacco che da alcuni anni vive in Alto Adige è stato arrestato per l'omicidio di Maximum, 30enne di origini russe, adottato da bambino da una famiglia altoatesina. 

 

Leggi anche > Pescara, una donna è stata aggredita e torturata con una siringa nel condominio dove abita: è caccia al colpevole

 

Oskar Kozlowski si era presentato al pronto soccorso di Brunico, Bolzano, con varie ferite, confessando poco dopo di aver ucciso un suo amico al termine di una lite. Dietro alla vicenda si celerebbe l'ombra del satanismo.

 

Adesso si indaga per omicidio volontario, non tralasciando per il momento nessuna ipotesi. Il ritrovamento di un teschio nell'appartamento della vittima, nel quale è stato compiuto il delitto, e il fatto che il fermato, secondo foto pubblicate sui social media, avesse tatuato sul braccio il numero 666 (simbolo di Satana), hanno alimentato voci su un possibile retroscena satanista.  In merito la Procura ha però precisato che «sul movente non ci sono ancora elementi utili».

 

Smentiscono nettamente questa pista i genitori della vittima, Carlo Alberto Zanella, presidente provinciale del Cai, e la moglie. «Il teschio è una solo una specie di soprammobile di plastica, nient'altro». I coniugi Zanella non si danno pace. Descrivono Maximum come ragazzo timido e buono, che in passato «ha compiuto qualche errore come tanti ragazzi»». Da sei anni viveva a Brunico e attualmente lavorava come bagnino nella piscina della cittadina. Si sentivano più volte al giorno, così anche ieri sera. Il figlio sembrava tranquillo. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio 2021, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA