British Airways e RyanAir rifiutano di rimborsare 2 milioni di viaggiatori: «Troppe restrizioni non ce la facciamo»

British Airways e RyanAir rifiutano di rimborsare 2 milioni di viaggiatori: «Troppe restrizioni non ce la facciamo»

British Airways e RyanAir si sono rifiutati di rimborsare 2 milioni di passeggeri spiegando che non sono in grado di dare le cifre richieste a causa del blocco dei voli dovuti alle restrizioni di Covid. L'autorità per la concorrenza e i mercati sta indagando se le compagnie aeree abbiano violato i diritti legali dei consumatori dopo le denunce ricevute.

British Airways e RyanAir sono tra le compagnie aeree che si sono rifiutate di rimborsare circa 2,3 milioni di persone per i voli che non sono stati in grado di fare a causa di blocchi o restrizioni Covid. La ricerca del gruppo di consumatori che ha scoperto che le famiglie erano state lasciate senza soldi a causa di blocchi o restrizioni che significavano che ragionevolmente - o in alcuni casi legalmente - non potevano viaggiare verso la loro destinazione. Si fa riferimento anche al periodo in cui i voli erano illegali ma le compagnie aeree continuavano con i viaggi.

In base alle normative dell'UE, i passeggeri che volano su un vettore con sede nell'UE o che volano da un paese dell'UE hanno diritto a un rimborso completo entro sette giorni se il loro volo viene cancellato dall'operatore, ma le normative attualmente non offrono ai passeggeri alcuna protezione se la loro il volo non viene cancellato. La questione quindi è molto insidiosa e nel Regno Unito da mesi piovono richieste e lamentele da parte dei consumatori, ma per ora la questione non può dirsi ancora risolta.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Febbraio 2021, 18:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA