Martellate a moglie e figlia per ucciderle: 59enne arrestato. «L'altro figlio ha chiamato la polizia»

Martellate a moglie e figlia per ucciderle: arrestato Giueseppe Vitali. «L'altro figlio ha chiamato la polizia»

Un uomo di 59 anni, Giuseppe Vitali, è stato arrestato dai carabinieri a Coccaglio, in provincia di Brescia, dopo aver tentato di uccidere la moglie e la figlia: l'aggressione è avvenuta a martellate nei confronti della coniuge di 51 anni e della figlia di 21, che sono state trasportate in ospedale con ferite lievi. L'uomo aveva in garage alcune taniche di benzina e non si esclude che volesse utilizzarle per incendiare la casa dopo averle uccise. A lanciare l'allarme è stato l'altro figlio, che abita al piano di sotto. 

Strage a Jesolo, il romeno disperato: «Era meglio se morivo io». Rischia 10 anni

Dal comando di Chiari confermano l'arresto, spiegando che militari e inquirenti sono ancora impegnati con accertamenti e riscontri per capire le motivazioni del gesto dell'uomo. Nella villetta, in via Fratelli Rosselli, è arrivata la Scientifica dei carabinieri: sono quattro le famiglie residenti nella stessa villetta e tutti parenti dell'aggressore, arrestato con l'accusa di tentato omicidio. Le due donne sono in ospedale.

Martedì 16 Luglio 2019, 10:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA