Boris Pahor è morto a Trieste, narrò l'orrore dei lager. Lo scrittore e intellettuale di lingua slovena aveva 108 anni

Dalla deportazione nei lager alla guerra partigiana. Una vita dalla parte delle minoranze

Boris Pahor è morto a Trieste, narrò l'orrore dei lager. Lo scrittore e intellettuale di lingua slovena aveva 108 anni

Addio a Boris Pahor, morto all'età di 108 anni.  Lo scrittore e intellettuale di lingua slovena è morto a Trieste.  Ne dà notizia l'agenzia di stampa slovena Sta. Nato a Trieste nel 1913, Pahor è considerato il più importante scrittore sloveno con cittadinanza italiana e una delle voci più significative della tragedia della deportazione nei lager nazisti, raccontata in Necropoli, ma anche delle discriminazioni contro la minoranza slovena a Trieste durante il regime fascista. L'intellettuale, testimone in prima persona delle tragedie del Novecento, ha scritto una trentina di libri tradotti in decine di lingue, tra cui Qui è proibito parlare, Il rogo nel porto, La villa sul lago, La città nel golfo.

La vita e le opere

Nato a Trieste il 26 agosto 1913 da genitori sloveni, all'età di 7 anni assistette all'incendio del Narodni Dom, sede centrale delle organizzazioni della comunità slovena di Trieste: un'esperienza che lo segnò per tutta la vita, che affiora spesso nei suoi romanzi e racconti. Dopo aver frequentato il liceo classico presso il seminario di Capodistria, nel dopoguerra si laureò in Lettere all'Università e quindi, si dedicò all'insegnamento della letteratura italiana. Arruolato e mandato al fronte in Libia, tornò a Trieste dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, ma venne arrestato dai nazisti e quindi internato in vari campi di concentramento in Germania e in Francia. Sopravvissuto alla tragica esperienza dei lager, al termine del conflitto a Trieste aderì a numerose imprese culturali social-democratiche e divenne uno dei più importanti punti di riferimento per la giovane generazione di letterati sloveni. La sua opera più nota è «Necropoli» (Fazi), romanzo autobiografico sulla prigionia a Natzweiler-Struthof. È stato tradotto in francese, tedesco, serbo-croato, ungherese, inglese, spagnolo, italiano, catalano e finlandese. La vita dello scrittore è strettamente legata agli eventi storici della sua terra d'origine, dall'epoca della dominazione dell'impero asburgico al fascismo, e all'esperienza della comunità slovena, tra i due conflitti bellici e nel secondo dopoguerra, che ha messo al centro dei suoi libri, una trentina tra narrativa e saggistica. 

Tra i suoi libri figurano «La città nel golfo» (Bompiani), «Triangoli rossi. I campi di concentramento dimenticati» (Bompiani), «Così ho vissuto. Biografia di un secolo» (Bompiani), «Figlio di nessuno. Autobiografia senza frontiere» (Rizzoli), «Dentro il labirinto» (Fazi), «Qui è proibito parlare» (Fazi), «Una primavera difficile» (La nave di Teseo), «Tre volte no. Memorie di un uomo libero» (Rizzoli). Le sue opere sono tradotte in francese, tedesco, serbo-croato, ungherese, inglese, spagnolo, catalano e finlandese. Pahor ha vinto numerosi riconoscimenti: il Premio Internazionale Viareggio-Versilia (2008); il Premio Preseren, maggiore onorificenza slovena nel campo culturale (1992); il Premio San Giusto d'Oro (2003); il Premio Napoli (2008) per «Necropoli»; il Premio Letterario Internazionale Alessandro Manzoni - Città di Lecco per l'autobiografia «Figlio di nessuno» (2012). Nel 2007 è stato insignito con la onorificenza francese della Legion d'onore e nel 2008 gli è stato conferito il Premio Resistenza per il libro «Necropoli» ed è stato eletto «Libro dell'Anno» da una giuria di oltre tremila ascoltatori del programma di Radio3 Rai, dedicato ai libri, Fahreneit. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 30 Maggio 2022, 10:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA