Coniugi scomparsi a Bolzano, fermato il figlio Benno: «Non ha confessato». La svolta nella notte

Coniugi scomparsi a Bolzano, fermato il figlio Benno: «Non ha confessato». La svolta nella notte

Svolta nelle indagini sulla scomparsa di Peter Neumair e Laura Perselli, 63 e 68 anni, i coniugi svaniti nel nulla a Bolzano lo scorso 4 gennaio. Nella notte è stato arrestato Benno Neumair, figlio trentenne della coppia: l'accusa è di omicidio volontario e occultamento di cadavere.  Il 30enne si sarebbe costituito questa notte, dopo aver avuto un contatto con la Procura. Benno Neumair si trova attualmente nel carcere in via Dante a Bolzano.

 

Leggi anche > Ipotesi avvelenamento: La sorella di Benno: «Voglio la verità»

 

L'arresto del giovane è arrivato dopo una svolta nelle indagini: non è ancora chiaro quali nuovi elementi gli inquirenti abbiano raccolto contro il trentenne, anche se fin da quando era stato sentito come testimone c’erano molti punti che non tornavano nella sua ricostruzione. Il più importante era il buco di mezz’ora nel suo alibi: il suo telefonino infatti era rimasto staccato dalle 21.32 alle 21.57 della sera del 4 gennaio in cui sono i scomparsi i suoi genitori. 

 

La svolta nelle indagini sulla scomparsa

 

Neumair attualmente si trova in stato di fermo. «A seguito di alcuni recenti elementi acquisiti nel corso delle indagini» la Procura di Bolzano, nella tarda serata di ieri, ha fermato Neumair Benno, indiziato di duplice omicidio ed occultamento dei cadaveri dei genitori Neumair Peter e Perselli Laura, si legge nella nota della Procura. «Nei termini processuali previsti dall'art. 390 c.p.p. verrà richiesta la convalida del fermo al giudice per le indagini preliminari. A tutela delle indagini e del diritto di difesa allo stato non possono essere comunicate ulteriori informazioni».

 

Poco dopo le ore 11 Benno Neumair ha lasciato la caserma del comando provinciale dei carabinieri in via Dante a Bolzano a bordo di una gip dei carabinieri. Il trentenne si è coperto il volto con un foglio di carta quando la vettura è passata davanti ai cronisti e agli operatori in attesa in strada. Ancora ieri i Ris sono tornati in via Castel Roncolo, dove la coppia abitava con il figlio. «Lo abbiamo accompagnato noi in Procura per farlo costituire spontaneamente», ha detto all'ANSA l'avvocato bolzanino Angelo Polo, legale di Benno. Il 30enne, si apprende, non avrebbe confessato. 

 

 

 

Leggi anche > Chi è Benno Neumair, trentenne figlio della coppia. Sui social i video di fitness

 

Chi era Benno Neumair, figlio dei coniugi scomparsi

 

Benno, istruttore di fitness, si era laureato a Innsbruck ed era tornato a casa dei genitori da qualche tempo, per stare meglio per via di una dipendenza da anabolizzanti. L'ipotesi dell'accusa era che Benno avesse ucciso i genitori per poi buttarli nell'Adige. Successivamente sarebbe andato a casa di un'amica argentina, per passare la notte lì: tornato dopo le 5, sarebbe poi uscito nuovamente. Tutti particolari che il figlio della coppia non ha chiarito del tutto con gli inquirenti. In questi giorni i legali di Benno avevano fatto sapere che il giovane si proclamava innocente, definendo alquanto fantasiose le tesi di ricostruzione delle forze dell’ordine.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Gennaio 2021, 14:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA