Bologna, una volpe a spasso per l'università: catturata con la mortadella

Bologna, una volpe a spasso per l'università: catturata con la mortadella

L'esemplare dopo le cure verrà riportato nel suo habitat naturale

E' stata presa per la gola la volpe che si aggirava nell'università di Bologna malata e spaventata. Ci sono voluti quattro giorni, e alcuni bocconi di mortadella, per catturare l'animale, bisognoso di cure perché affetta da rogna silvestre. La volpe è stata avvistata martedì scorso a Bologna, nel giardino della Facoltà di Ingegneria a porta Saragozza e non si è fatta avvicinare fino a quando non ha annusato un gustoso pezzo di mortadella: un'esca irresistibile.

 

Leggi anche > Prof morta per l'amianto: l'agonia di Olga durò 15 anni. Ministero condannato a maxirisarcimento

 

Dopo il primo sopralluogo, gli agenti della polizia locale della Città metropolitana, in accordo con il Centro recupero fauna selvatica di Monte Adone, hanno infatti deciso di posizionare una gabbia di cattura con esca. Grazie alla collaborazione del personale della facoltà e al controllo della gabbia, la volpe venerdì pomeriggio è stata recuperata. L'esemplare, in condizioni critiche, è stato portato dal veterinario per le prime cure e poi affidato agli operatori del Centro recupero di Monte Adone che appena possibile lo riporteranno nel suo habitat naturale.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Dicembre 2021, 18:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA