Julen, parla la mamma di Rampi: «Morto come il mio Alfredino»

di Raffaella Troili
Julen non ce l’ha fatta. Un dolore per tutti. Di più per Franca Rampi, la madre di Alfredino, caduto in un pozzo artesiano 38 anni fa a Vermicino.
«Ho seguito la vicenda come qualsiasi mamma. Un dolore che si è riaperto».
 
 

Una sensazione d’impotenza, sconfitta, dopo tanto impegno riversato nell’associazione dedicata a suo figlio.
«Questo caso dimostra ancora una volta che senza prevenzione non si va da nessuna parte: quando si apre un pozzo artesiano di 80 metri, va chiuso».

Una tragedia identica a quella di 38 anni fa.
«Se le persone fanno come gli pare, se non hanno coscienza, c’è poco da fare. Devi immaginare che può accadere, che devi mettere in sicurezza un pozzo. Che un nipote, un bambino qualsiasi può caderci dentro».

Invece una tragedia si è ripetuta.
«In un pozzo identico a quello di Alfredino, è stato impossibile anche questa volta, salvare il piccolo. Perché bisogna pensarci prima».

La battaglia della sua vita.
«Sì, la cultura della prevenzione: far capire che i pozzi devono esser chiusi. Anche in Spagna, avranno delle leggi, noi ci siamo battuti per averle, ma se i cittadini in un terreno privato fanno come gli pare, occorre insistere sulla prevenzione, se le persone continuano a fare come pare a loro si rievoca il mio personale dramma, nonostante tutte le iniziative portate avanti».

Dopo la morte di suo figlio, con il Centro Alfredo Rampi ha promosso esercitazioni e incontri. 
«Ci siamo impegnati perché nessun bambino, nessun genitore dovesse subire il dolore che è toccato a me».

Il ricordo di Alfredino è vivo in ognuno di noi. Anche le nuove generazioni sanno chi era quel bambino con la maglietta a righe che ha tenuto l’Italia con il fiato sospeso. Il lieto fine non ci fu.
«Da allora abbiamo tenuto corsi di prevenzione a 200mila bambini del Lazio. A Vermicino vidi troppe cose assurde. Quando ci dissero che era morto mi avvicinai al presidente Pertini, gli raccontai tutto. Mi rispose: “Signora sono sconcertato, non ho parole, possibile che ci sia stata tutta questa confusione? Possibile che niente abbia funzionato?” Dopo alcuni mesi mi telefonò: per me aveva creato un Ministero, quello della Protezione Civile».

Mentre la Spagna piange Julen, l’invito accorato di Franca Rampi è quello di proteggere davvero i bambini, ma di pensarci prima. 
 
Domenica 27 Gennaio 2019, 00:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA