Bimbo di 9 anni in coma, ha bevuto metadone. «Offerto da ragazzini, dicevano che era tè freddo»

Choc a Palermo dove un bambino di appena 9 anni è finito in coma dopo ave ingerito metadone, spacciato per tè freddo offerto da una bottiglietta da alcuni ragazzini. Il bimbo è stato trasportato dai sanitari del 118 in coma all'ospedale pediatrico Di Cristina di Palermo e ricoverato nel reparto di Terapia intensiva, dove ci sono anche i genitori, originari di Pioppo, una frazione di Monreale.

 

Bimbo di 5 anni muore in auto sotto il sole: la mamma era impegnata per la festa della sorellina

 

Indagano i carabinieri del gruppo di Monreale, contattati dai medici dell'Ospedale dei Bambini dopo i primi accertamenti e le analisi del sangue che hanno rivelato la presenza di tracce di metadone. Secondo una prima ricostruzione il bambino avrebbe bevuto da una bottiglietta, offerta come tè freddo, da alcuni ragazzini.

 

Bimbo di 10 mesi positivo alla cannabis: ricoverato in rianimazione. «Era in coma»

 

Il bambino, al rientro a casa, si sarebbe sentito male e avrebbe avuto delle convulsioni. Forse proprio in quei concitati frangenti avrebbe raccontato ai genitori quanto accaduto. Le condizioni del bimbo, inizialmente gravi, sarebbero via via migliorate ma la prognosi resta ancora riservata.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Giugno 2022, 14:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA