Il biglietto choc a un infermiere: «Ci farete infettare tutti, portate il virus dagli ospedali»

Il biglietto choc a un infermiere: «Ci farete infettare tutti, portate il virus dagli ospedali»
Continua l'ondata di maleducazione, per non dire odio, nei confronti di chi ogni giorno lavora negli ospedali a combattere il coronavirus: dopo i casi di Lucca, con l'infermiera insultata dai vicini di casa («Ci porti il Covid») e Pordenone, dove un'altra infermiera dopo aver traslocato in una palazzina ha dovuto fare i conti con i residenti che temevano di venire infettati, un altro caso è avvenuto nel napoletano a Castellammare di Stabia.

Leggi anche > Coronavirus, l'Iss: «Situazione migliorata, indice contagio tra 0,2 e 0,7»

«Ci farete infettare tutti, continuate a portare il virus dai vostri ospedali», il messaggio scritto su un foglio bianco, che un infermiere di Castellammare in servizio all'ospedale di Sorrento ha trovato nella sua cassetta postale al ritorno a casa. Il sindaco della città Gaetano Cimmino ha postato la foto del biglietto in un post su Facebook in cui esprime la sua solidarietà nei confronti dell'infermiere, di nome Alfredo.



«Sono vicino ad Alfredo, l'infermiere che ha trovato nella posta un foglio bianco con queste poche, ignobili, assurde parole. Un'accusa indecente, schifosa, senza ritegno - scrive il sindaco - nei confronti di chi si batte ogni giorno, in prima linea, mettendo a rischio anche la propria vita per salvare le vite altrui. Non smetterò mai di ringraziare tutti gli operatori sanitari che, come Alfredo, continuano a metterci l'anima, profondendo ogni sforzo per prestare assistenza e cure a chi sta male. Siete i nostri eroi. Sono orgoglioso di voi». 

 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Aprile 2020, 16:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA