Beppe Grillo, il figlio Ciro indagato per stupro. Il racconto della modella: «Prima il Billionaire, poi la violenza»

di Michela Poi
Mare, sere d'estate, qualche bicchiere di troppo. La voglia di lasciarsi andare a balli scatenati in uno dei locali più "in" della Sardegna, il Billionaire. Poi, il presunto stupro. Durante l'interrogatorio dei carabinieri avvenuto il 26 luglio scorso, la 19enne che ha denunciato quattro ragazzi -  tra cui il figlio di Beppe Grillo, Ciro - di violenza sessuale, ha ricostruito quella notte facendo nomi e cognomi. A riportare i contenuti è il Corriere della Sera. 

Leggi anche > Violenza sessuale su una modella, indagato figlio di Beppe Grillo



E' il 16 luglio quando la ragazza prenota un tavolo al Billionaire, di comune accordo con Grillo, Capitta, Corsiglia e Lauria, i quattro giovani indagati per stupro. Insieme a lei c'è anche una sua amica, che conosce uno dei ragazzi. Prenotano un taxi e arrivano al locale. Iniziano a ridere, scherzare e bere. Tutti insieme. Dopo ore di balli scatenati e alcol, le due amiche decidono che è arrivata l'ora di tornare a casa. La 19enne comunica al gruppo la sua intenzione di chiamare un taxi. A quel punto i quattro le pregano di rimanere per una spaghettata di mezzanotte a casa di uno di loro. Per convincerle, prenotano un furgone che fa trasporto privato e a bordo del mezzo raggiungono l’abitazione. La 19enne mangia. Poi, senza accorgersi di essere seguita, inizia a camminare per casa.  Uno degli indagati la sorprende e le chiede un rapporto sessuale. Lei si rifiuta, ma lui insiste.  E quando tenta di divincolarsi e fuggire, lui la aggredisce e la stupra. Come se non bastasse, si aggiungono gli altri tre ragazzi.

Leggi anche > Beppe Grillo, il commento choc del figlio accusato di violenza sessuale su Instagram: «Ti stupro bella bambina»

Un racconto dell'orrore, quello fatto dalla 19enne, che nei giorni successivi si chiude in sè stessa e non dice nulla a nessuno. Pubblica su Instagram una foto con l’amica mentre brindano su un divano del «Billionaire», ma nulla di più. Quando i genitori la raggiungono in Sardegna, però, si accorgono che qualcosa non va e le chiedono spiegazioni.  E' a quel punto che la ragazza crolla e confessa. 

A breve verrà interrogata anche l'altra ragazza, per capire dove si trovasse mentre tutto ciò avveniva a pochi metri da lei. 






 
Sabato 7 Settembre 2019, 12:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA