Benzina e diesel, prezzi alle stelle: su di altri 8 cent in una settimana. «Stangata da 570 euro a famiglia»

Benzina e diesel, prezzi alle stelle: su di altri 8 cent in una settimana. «Stangata da 570 euro a famiglia»

Prezzi sempre più alle stelle per benzina e diesel. Secondo la rilevazione del Mite, c'è stato un balzo di 8 centesimi in una settimana per il prezzo della benzina che è costata 1.953 euro al litro in media tra il 28 febbraio e 6 marzo scorso, rispetto a 1,870 euro al litro della settimana precedente. Schizzato anche il costo del gasolio auto che ha subito anch'esso un rincaro di 8 centesimi e si è portato a 1,829 euro al litro rispetto a 1,740 euro della settimana tra il 21 e il 27 febbraio. Aumento di poco più di 15 centesimi per il gasolio da riscaldamento salito a 1.715,92 euro al litro da 1,565 euro della settimana prima.

Oligarchi russi, chi sono le mogli: qualcuna dalle sanzioni ci ha (anche) guadagnato

Codacons: stangata da 570 euro annui a famiglia

Da inizio anno la benzina ha subito un rincaro del +13,3%, mentre il gasolio è aumentato del +15,2%, con un maggiore costa per un pieno ad un'auto di media cilindrata pari a +12 euro. Con i prezzi odierni la stangata sfiora i 570 euro annui a famiglia, afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dal Mite. E nel confronto con il 2021 i dati sui carburanti appaiono addirittura tragici.

Milano, benzina a 5 euro al litro? «Speriamo non sia una premonizione»

Considerando i listini alla pompa in vigore oggi, elaborati da Quotidiano energia, pari ad una media di 2,010 euro/litro la benzina, 1,910 euro/litro il gasolio, un litro di verde costa il 28,3% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, calcola il Codacons. Mentre per il gasolio si spende addirittura il 33% in più con un rincaro sul pieno pari a +22,2 euro per una auto a benzina, +23,7 euro per una vettura diesel. La stangata raggiunge così quota +533 euro annui a famiglia in caso di auto a benzina, +568,8 euro la maggiore spesa annua per i rifornimenti in caso di auto diesel.

«E mentre in Italia imprese e attività produttive si fermano non potendo più sostenere i costi impossibili dei carburanti, il Governo resta a guardare e le casse dello Stato si arricchiscono grazie all'escalation dei prezzi alla pompa e alle tasse su benzina e gasolio - denuncia il presidente Carlo Rienzi - Un comportamento immorale considerato l'ampio margine dell'esecutivo per intervenire su Iva e accise e calmierare i listini». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 8 Marzo 2022, 14:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA